rotate-mobile
Economia

Che fine hanno fatto i 350 euro per gli ex percettori di reddito di cittadinanza

I nuclei familiari che hanno fatto domanda per i 350 euro sono 74 mila, ma le richieste per il nuovo Supporto formazione e lavoro arrivate al 6 dicembre sono di più: 124 mila. La Sicilia è in testa con 61.300 domande insieme alla Campania. Ma tra ritardi e problemi alla piattaforma, non tutti hanno ricevuto il primo pagamento

Dallo scorso agosto il governo Meloni ha mandato in pensione il reddito di cittadinanza, sostituendo la misura in supporto alle persone in cerca di lavoro con il nuovo Supporto formazione e lavoro (Sfl), un sussidio da 350 euro mensili riconosciuto per un massimo di 12 mensilità ai cittadini tra i 18 e i 59 anni in possesso di determinati requisti. 

I nuclei familiari usciti dal reddito di cittadinanza che hanno fatto domanda per i 350 euro sono 74 mila, ma le domande per Sfl arrivate al 6 dicembre sono di più: 124 mila, il 56% donne, età media 42 anni. La Sicilia è in testa con 61.300 domande insieme alla Campania. Secondo i dati del ministero del Lavoro soltanto una piccola parte ha già ottenuto il primo bonifico. Dati ufficiali non esistono, ma secondo una stima della Cgil, soltanto il 20% dei casi presi in carico dai centri per l'impiego risulta come percettore.

Si tratta di una sorta di "bonus" che avrebbe l'obiettivo di supportare il beneficiario durante un periodo di formazione professionale in grado di inserirlo nel mondo del lavoro. Proprio per questo motivo, l'erogazione dei soldi è condizionata dall'inizio delle attività e dei progetti che ne hanno diritto. Sulla carta, gli ex percettori del reddito di cittadinanza avrebbero dovuto presentare la richiesta per il Supporto formazione e lavoro all'Inps, ed effettuare l'iscrizione alla piattaforma "Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa" (Siisl), pensata per agevolare la ricerca del lavoro e individuare i corsi formativi o di qualificazione utili ai beneficiari (qui tutti i requisiti).

I 350 euro non arrivano

Tutto chiaro, se non fosse per qualche piccolo intoppo: la piattaforma non funziona e i soldi, in molti casi, non sono ancora arrivati. Il sito del Siisl è attivo dallo scorso 1° settembre: per le domande presentate entro il 15 del mese il pagamento dovrebbe avvenire il 27 dello stesso mese, mentre per quelle pervenute successivamente l'erogazione è prevista per il 15 del mese successivo. Eppure, le cose non stanno andando proprio in questo modo, con cittadini già in difficoltà economiche che adesso si ritrovano "abbandonati", senza poter contare neanche sui 350 euro del Supporto formazione e lavoro. Una situazione da incubo raccontata anche dal Fatto Quotidiano: c'è chi ha una domanda già accettata da tre mesi ma non ha ancora visto un euro. 

La situazione dovrebbe sbloccarsi nei prossimi giorni, ma intanto nei gruppi Facebook in cui gli ex percettori del reddito di cittadinanza cercano notizie sul nuovo sussidio sono in molti a vivere la medesima situazione: i soldi non sono arrivati neanche a chi ha già iniziato un corso di formazione, fattore fondamentale per "liberare" i pagamenti.

Ma non finisce qui. Superare il primo step non vuol dire aver risolto il problema. Anche per quanto riguarda le attività formative a cui sta partecipando la persona c'è un "intreccio" di dati che rallenta tutto il percorso: l'utente si iscrive su MyInpal, ma i suoi riferimenti vengono girati sul Siisl, soltanto in un secondo momento. La partecipazione a queste attività è un requisito fondamentale per sbloccare i pagamenti, ma se la comunicazione dell'inizio di un corso formativo viene comunicata in ritardo, in automatico anche i pagamenti non saranno puntuali. 

Quando arriveranno i soldi?

Sulla vicenda è intervenuto Walter Rizzetto di Fratelli d'Italia, intervistato nei giorni scorsi da Mattino 5: "È vero non sono ancora partite tutte le erogazioni dei famosi 350 euro, evidentemente essendo una nuova erogazione l'incrocio tra i dati e le piattaforme richiede qualche passaggio in più". Tuttavia, ha aggiunto Rizzetto, "sentito il ministero del Lavoro, posso confermare che le erogazioni partiranno entro 7-10 giorni". L'attesa continua quindi per molti ex percettori del reddito, persone in difficoltà che attendono risposte concrete.

Fonte: Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che fine hanno fatto i 350 euro per gli ex percettori di reddito di cittadinanza

MessinaToday è in caricamento