rotate-mobile
Economia

Coldiretti contro il fotovoltaico senza regole: "La Sicilia sta diventando l'isola degli specchi"

L'associazione lancia l'allarme: "Migliaia di ettari ormai improduttivi, l'azienda agricola deve produrre cibo e non energia". Inviata una lettera al presidente Schifani: "Si attivi per evitare il Far West che si vive oggi"

"La Sicilia sta diventando l'Isola degli specchi. Vanno fermate le speculazioni che imperversano e la stanno trasformando nella più grande distesa di pannelli per la produzione di energia". Inizia così la lettera aperta che Coldiretti Sicilia ha inviato al presidente della Regione Renato Schifani perché si attivi per "evitare il Far West che si vive oggi".

Secondo Coldiretti "migliaia di ettari sono ormai improduttivi e non solo questo va a discapito delle più importanti produzioni". E ancora: "I pannelli influiscono anche sull’ambiente, sul panorama, sulla sostenibilità e su ogni altro aspetto che riguarda il valore aggiunto della nostra regione. Il turismo è ormai intaccato anche a causa di un 'agrivoltaico di facciata' che peggiora tutto".  

Coldiretti Sicilia sottolinea inoltre di volere la transizione "ma solo nella misura in cui il vero valore agricolo, patrimonio dell’intera Sicilia, non viene scalfito"  L’organizzazione ribadisce che "utilizzando i tetti di stalle, cascine, magazzini, fienili, laboratori di trasformazione e strutture agricole sarebbe possibile recuperare una superficie utile per la necessaria energia solare". E aggiunge: "Partendo poi dall’utilizzo degli scarti delle coltivazioni e degli allevamenti è possibile arrivare alla realizzazione di impianti per la distribuzione del biometano. L’azienda agricola deve produrre cibo e non energia. Non si possono sostituire le produzioni con i pannelli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti contro il fotovoltaico senza regole: "La Sicilia sta diventando l'isola degli specchi"

MessinaToday è in caricamento