Lavoratori ex Servirail esclusi, interpellanza di Angela Raffa per la ricollocazione

La portavoce del M5Stelle chiede di riaprire per 40 unità la possibilità di essere assorbiti dal Gruppo Ferrovie dello Stato dopo anni di rinvii e mancate risposte

Un’interpellanza per fare il punto della situazione dei lavoratori ex Servirail di Messina, rimasti esclusi da ogni ricollocazione. L’ha presentata la deputata Angela Raffa, portavoce messinese del Movimento 5 Stelle in commissione Trasporti.

“La vertenza risale a 8 anni fa, purtroppo si tratta di una vecchia vicenda, per molti oramai chiusa e dagli aspetti poco chiari, di cui mi sono occupata anche nel corso del precedente Governo - afferma Angela Raffa - Si deve riaprire la possibilità per questi lavoratori di essere assorbiti dal Gruppo Ferrovie dello Stato, dopo anni di rinvii e mancate risposte. Prima c’era stata la promessa di una selezione riservata e prioritaria da parte del Gruppo Ferrovie dello Stato nell’ambito di 300 paventate nuove assunzioni in cambio della rinuncia alla transazione, cioè al denaro contante che FS avrebbe elargito per chiudere la questione. Poi, rinvii su in rinvii, e infine invece dell’assunzione è arrivato il benservito: niente soldi e niente lavoro”, prosegue Raffa.

“Tanti, in questa vicenda, sono gli errori ereditati dal passato. Il più grave quello di non aver mai formalizzato le promesse in un accordo sottoscritto dalle parti. A questo si aggiunge il totale abbandono da parte dei governi regionali. Vale la pena ricordare che tutti gli ex lavoratori Servirail in Italia sono stati riassorbiti proprio grazie all’impegno delle regioni coinvolte che si sono fatte carico della vertenza, con l’unica eccezione della Sicilia. Chiederemo al governo attenzione sulla questione con la richiesta di una nuova interlocuzione con il Gruppo Ferrovie dello Stato sperando in una soluzione”, conclude la portavoce siciliana.

Nell’interpellanza ai ministeri del Lavoro, delle infrastrtuture, dell’economia – insieme ai cofirmatari Maria Elisabetta Barbuto, Guia Trmini e Carmela Grippa, si spiega anche che “la quasi totalità dei lavoratori, a quanto consta all'interpellante, sarebbero stati in possesso di tutti i requisiti richiesti e l'unica causa della loro mancata ricollocazione sarebbe da ricercare in scelte, a parere dell'interpellante discutibili, compiute da Ferrovie dello Stato italiane; ad oggi rimane solo un esiguo numero di persone, meno di 40 unità, che sono ancora in attesa di essere riassorbiti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furto tra i tavoli del McDonald's, indaga la polizia

  • Maltempo, scatta l'allerta rossa: al Comune riunione per decidere sulla chiusura delle scuole

  • Accusa un malore e muore sotto lo sguardo dei passanti

  • E' morta Silvana Grasso, il giudice di Corsi d'Oro e Gettonopoli

  • Movida, lo sfogo di una madre: "Quando mio figlio va a ballare ormai temo il peggio, chiedo aiuto alle forze dell'ordine"

  • Commerciante messinese dona 1000 euro alla famiglia Chillè, Paolo è in terapia in California

Torna su
MessinaToday è in caricamento