rotate-mobile
Economia Acquedolci

La rivoluzione digitale sbarca ad Acquedolci con la fibra ottica targata Open Fiber

Abitazioni, uffici pubblici, attività commerciali e ricettive e scuole sono stati raggiunti da una rete pubblica di telecomunicazioni a banda ultralarga già entrata in funzione

La rivoluzione digitale è sbarcata ad Acquedolci: abitazioni, uffici pubblici, attività commerciali e ricettive, scuole sono infatti raggiunti da una rete pubblica di telecomunicazioni a banda ultralarga già entrata in funzione. I lavori di copertura sono stati condotti da Open Fiber, società per azioni chiamata a realizzare l’infrastruttura che consente a cittadini e imprese di beneficiare di velocità di connessione al web finora inedite. Le risorse stanziate non gravano sul bilancio del Comune: l’infrastruttura è infatti finanziata con fondi regionali e statali e resterà di proprietà pubblica. Le attività sono state coordinate da Infratel, società “in house” del Ministero dello Sviluppo Economico, con l’attenta supervisione della Regione Siciliana. La nuova infrastruttura pubblica di telecomunicazioni è disponibile in modalità FTTH (Fiber-To-The-Home) in oltre 4.500 unità immobiliari. Sono invece circa 1.300 le unità immobiliari raggiunte in modalità FWA (Fixed Wireless Access).

“La rete ultrabroadband di Open Fiber è l’avanguardia della tecnologia attualmente a nostra disposizione che consiste nella capacità delle reti di inviare dati ad altissima velocità, equivalente ad almeno 100 Mbps (definita “ultra-fast broadband” nell’Agenda Digitale Europea) o ad almeno 30 Mbps (“fast broadband”) - afferma il field manager Claudio Imperiale, responsabile dei lavori ad Acquedolci -.  Le connessioni FTTH e FWA consentono di ridurre il digital divide nei territori, che adesso possono contare su una infrastruttura di telecomunicazioni sicura, moderna e soprattutto ultraveloce. Questa tecnologia è fondamentale per la vita delle persone, il lavoro dei professionisti e il business delle imprese, perché consente di mettere tutti nelle condizioni di poter sfruttare i servizi digitali di ultima generazione”.

Una rete a banda ultralarga, infatti, permette di abilitare servizi che vanno a beneficio dell’intera collettività: smart working, telemedicina, telelavoro, educazione a distanza, Industria 4.0, videosorveglianza, domotica e tanto altro ancora da inventare. Open Fiber non vende servizi in fibra ottica direttamente agli utenti finali. I cittadini di Acquedolci, per usufruire della banda ultralarga, non devono far altro che verificare la copertura del proprio indirizzo sul sito openfiber.it, contattare un operatore per scegliere il piano tariffario preferito e iniziare a navigare ad alta velocità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rivoluzione digitale sbarca ad Acquedolci con la fibra ottica targata Open Fiber

MessinaToday è in caricamento