Giovedì, 18 Luglio 2024
Economia

Fine del mercato tutelato, per l'energia elettrica slitta la data: ecco cosa cambia e quando

L'Arera ha deciso di spostare dal 1° aprile al 1° di luglio la data in cui cesserà il regime di maggior tutela per le utenze elettriche, mentre tutto resta com'era per il gas. A comunicarlo è stato il presidente di Arera Stefano Besseghini

Slitta la fine del mercato tutelato dell'energia. L'Arera ha infatti deciso di spostare dal 1° aprile al 1° di luglio la data in cui cesserà il regime di maggior tutela per le utenze elettriche, mentre tutto resta com'era per il gas. Ad annunciarlo è stato il presidente di Arera, Stefano Besseghini, a Tg3 Fuori Tg, spiegando che la decisione è stata presa durante una riunione avvenuta martedì 19 dicembre. "Per l'energia elettrica - ha detto il presidente dell'Autorità -, come sapete di recente c'è stato il decreto energia che ha introdotto alcune modifiche importanti. Tra queste lo spostamento delle gare dall'11 dicembre al 10 gennaio".

"Con una decisione che abbiamo preso ieri" la data per la fine del mercato tutelato dell'energia "è stata spostata dal 1° aprile al 1° luglio" ha detto ancora Besseghini, aggiungendo che la delibera "sarà disponibile a brevissimo". Nulla cambia invece per il gas: in questo caso la fine del mercato tutelato rimane fissata al 10 gennaio del 2024. 

Al momento sono esentati dal trasferimento al mercato libero, dove le condizioni dei contratti sono fissate dagli operatori senza fare riferimento all'Arera, solo i clienti considerati vulnerabili: ovvero tutti quelli che hanno più di 75 anni, si trovano in una situazione di calamità o di oggettiva difficoltà economica (già percettori del bonus sociale luce e gas) o sono disabili. Per tutti gli altri si apriranno invece le porte del libero mercato. 

Per i clienti domestici che non effettueranno il passaggio a un fornitore del mercato libero Arera ha predisposto il "servizio a tutele graduali": i clienti non subiranno l'interruzione del servizio ma saranno serviti, per un periodo di tempo, da venditori selezionati nei territori di appartenenza attraverso specifiche procedure concorsuali. Il cliente, precisa l'Autorità, potrà comunque in ogni momento scegliere una diversa offerta nel mercato libero.

Fonte: Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fine del mercato tutelato, per l'energia elettrica slitta la data: ecco cosa cambia e quando
MessinaToday è in caricamento