rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Economia

Fondi Europei, Carfagna: “Accordo partneriato, missione compiuta al Sud”

Nello stesso contesto sono stati approvati quattro piani di sviluppo metropolitani che interessano milioni di cittadini di Messina, Palermo, Catania e Reggio Calabria

"Con l'importante seduta del Cipess di oggi abbiamo posto le basi per il miglior utilizzo del ciclo 2021-2027 dei fondi strutturali europei: l'Accordo di partenariato che abbiamo portato all'approvazione, per un valore complessivo di 75,6 miliardi tra risorse europee e co-finanziamento nazionale, traccia una nuova visione di sviluppo, fortemente orientata alla transizione ecologica e digitale, alla competitività e alla ricerca, alla salute, alla formazione del capitale umano e alla riqualificazione urbana. Avevamo promesso alla Commissione Europea di notificare l'Accordo entro il 2021 e stiamo rispettando gli impegni, come abbiamo fatto con il Pnrr e con il React-EU. Una prova di serietà che fa bene all'intero sistema italiano e che consente alle amministrazioni statali e regionali di far partire prima possibile i loro programmi operativi".

A dichiararlo è il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna al termine della riunione del Cipess svoltasi oggi.  

"Non è l'unica decisione del Cipess di oggi: abbiamo assicurato alle Regioni anticipazioni finanziarie per realizzare interventi attesi sul territorio per 3,183 miliardi di euro, di cui 576,6 milioni già assegnati a luglio e ulteriori 2,606 miliardi resi disponibili oggi. Nello stesso contesto - prosegue il ministro- sono stati approvati 4 piani di sviluppo metropolitani che interessano milioni di cittadini di Reggio Calabria, Palermo, Catania e Messina, nonché la rimodulazione delle risorse assegnate a Taranto, che consentirà tra l'altro il ritorno della cantieristica dei grandi yacht nella città pugliese. Prende forma così la strategia per la Coesione che ho impostato in questi primi mesi di governo, fondata sulla sinergia tra i progetti del Piano di Ripresa e gli altri strumenti di investimento nazionali ed europei: una sinergia finalizzata non ad obiettivi astratti ma alla concreta costruzione di un Mezzogiorno amico delle imprese, dello sviluppo e delle persone".

"E' un ottimo risultato che credo contribuisca - al di là dei dati tecnici - a definire un'Italia finalmente capace di mettere insieme territori e istituzioni nazionali, istanze locali e dispositivi europei per tracciare una chiara strada verso il superamento delle diseguaglianze, la coesione e lo sviluppo", conclude Carfagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi Europei, Carfagna: “Accordo partneriato, missione compiuta al Sud”

MessinaToday è in caricamento