VIDEO | Gicap, i commissari valutano le offerte di Like Sicilia ed Ergon. I sindacati: “Primo passo ma resta alta l'attenzione”

"I commissari giudiziali hanno inserito le nostre rivendicazioni ma non ci convince l’ipotesi di sub-affitto né la possibilità che ci chiedano pesanti deroghe in un eventuale tavolo di  subentro”

Incontro tra le organizzazioni sindacali e i commissari giudiziali incaricati di seguire la procedura concordataria di GiCap.

Lo scorso 28 giugno, infatti, era scaduto il termine per la presentazione delle offerte da parte dei due competitor interessati alla rete vendita, Like Sicilia, e Ergon. A detta dei commissari le due ditte hanno presentato offerte quasi equivalenti, ma soprattutto con il mantenimento degli attuali livelli occupazionali.

“Un primo successo della lotta delle lavoratrici e dei lavoratori che rappresentiamo – dichiarano Giselda Campolo, segretaria Generale della Filcams Cgil, e Francesco Rubino, Segretario Generale della Uiltucs Messina – ma mantenimento dei livelli occupazionali non significa mantenimento delle condizioni contrattuali. Le forti pressioni sindacali hanno garantito l’attenzione al tema.  Infatti, i commissari giudiziali hanno inserito le nostre rivendicazioni nelle linee guida che le aziende dovevano rispettare e oggi danno disponibilità a fornire una sintesi scritta di quanto presentatogli dalle due interessate. Resta altissima, però, la tensione: non ci convince l’ipotesi di sub-affitto né la possibilità che ci chiedano pesanti deroghe in un eventuale tavolo di  subentro. Le lavoratrici e i lavoratori non sono disponibili – continuano Campolo e Rubino – Nell’ultimo mese, la scelta del Tribunale di coinvolgere attivamente le parti sociali ci ha dato la possibilità di specificare le nostre numerose perplessità relative alla salvaguardia occupazionale e ora ci dà la possibilità di produrre le nostre deduzioni in una situazione particolarmente delicata che deve tutelare redditi e dignità del lavoro”.

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Gicap, i commissari valutano le offerte di Like Sicilia ed Ergon. I sindacati: “Primo passo ma resta alta l'attenzione”

MessinaToday è in caricamento