rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Economia

Centomila imprese artigiane abusive, Sicilia terza regione nella classifica italiana del lavoro illegale

Le aziende irregolari sono il 18,5%. Fra le siciliane Messina è al terzo posto. Tra i mestieri più colpiti estetisti, acconciatori e meccanici. Lo studio realizzato dall’Osservatorio economico di Confartigianato Sicilia, nell’ambito della campagna nazionale, “Occhio ai furbi! Mettetevi solo in buone mani”

Sono ben 280 mila i lavoratori siciliani illegali che non risultano da nessuna parte eppure esistono. Centomila le imprese artigiane abusive sull'Isola. Numeri che fanno sì che la regione si piazi al terzo posto  nella classifica del lavoro illegale dopo Calabria e Campania con il 18,5 per cento di imprese irregolari. E' questa la fotografia scattata dall’Osservatorio economico di Confartigianato Sicilia, nell’ambito della campagna nazionale, attraverso il linguaggio dei fumetti con strisce dedicate ai vari mestieri, dal titolo “Occhio ai furbi! Mettetevi solo in buone mani”.  

Tre gli obiettivi dell’iniziativa: mettere in guardia i consumatori dal rischio di cadere nelle mani di operatori improvvisati, valorizzare qualità, durata, rispetto delle norme, convenienza e sicurezza del lavoro dei veri artigiani, richiamare le Autorità ad un’azione di controllo e repressione e di contrasto all’evasione fiscale e contributiva. 

“Già nel periodo di Natale – dice Andrea DI Vincenzo, segretario di Confartigianato Imprese Sicilia – abbiamo posto l’attenzione sulla lotta all’abusivismo lanciando un video, realizzato da Just Maria, dal titolo ‘Regalati un Natale senza imprevisti - Affidati alle imprese artigiane’, evidenziando i rischi che si corrono affidandosi ai lavoratori irregolari. Una battaglia sempre urgente in questo momento in cui le imprese artigiane cercano di uscire dalla crisi. Oltre alle campagne però – continua Di Vincenzo – ci vuole un’azione congiunta delle autorità di controllo e degli enti locali nella quale noi siamo pronti a farci parte attiva. Bisogna aumentare i controlli e sconfiggere questo fenomeno. Per premiare gli artigiani che sono riusciti onestamente a sopravvivere alla crisi e per salvaguardare i cittadini e i loro risparmi dagli illegali”. 

Lo studio dell'Osservatorio

stima-2

Concorrenza sleale del sommerso. L’analisi degli ultimi dati dell'Istat disponibili a livello regionale sull’economia non osservata (anno 2019) evidenzia in Sicilia un peso del lavoro non regolare (280 mila unità) sul totale pari al 18,5% (>12,6% nazionale), che la posiziona terza dopo Calabria e Campania nella classifica nazionale per valore più elevato. A livello settoriale si rilevano valori superiori per agricoltura (37,0%) e costruzioni (22,0%); mentre è per il manifatturiero esteso che si rileva un peso del lavoro irregolare più ridotto (11,3%).

La quota di valore aggiunto generato da impiego di lavoro irregolare rilevata per la nostra regione è, dopo quella di Calabria e Campania, la più alta e pari al 7,4% (>4,9% nazionale). La nostra Isola risulta inoltre, dopo Lombardia, Campania e Lazio, una delle prime cinque regioni (4^) per numero di unità di lavoro indipendenti non regolari pari a 95.600. Tra le prime dieci province italiane per numero di unità di lavoro indipendenti non regolari ne troviamo due siciliane: Palermo con 21.800 unità e Catania con 21.500 unità. Fra le siciliane Messina è terza con 12.400 unità.

I mestieri esposti alla concorrenza sleale

I mestieri ad alta vocazione artigiana esposti alla concorrenza sleale. Prendendo a riferimento i quattordici mestieri maggiormente sotto pressione per la concorrenza sleale ed includendo sia i servizi di riparazione di beni per uso personale e per la casa sia i restanti mestieri operanti nella manutenzione e riparazione di autoveicoli (in particolare carrozzieri ed elettrauto) si delinea a fine 2021 un totale di 39.233 imprese attive con un'alta vocazione artigiana: le imprese artigiane perimetrate sono, infatti, 29.744 e rappresentano il 75,8% del totale, quota circa 4 volte il 18,8% osservato per il totale economia. L'artigianato è particolarmente esposto in quanto in tali mestieri si concentrano il 41,4% delle imprese del comparto, quota circa 4 volte il 10,3% rilevato per il totale imprese. In particolare, la vocazione artigiana è particolarmente elevata e supera la media già alta per: Acconciatura e estetica (91,7%), fotografo (84,6%) e manutenzione e riparazione di autoveicoli (83,0%). A livello provinciale l’artigianato è più esposto a Caltanissetta (42,9%), Siracusa (42,8%) e Catania (42,4%); mentre rappresenta quote più elevate del totale imprese nei mestieri più esposti al fenomeno dell’abusivismo a Enna (87,0%), Agrigento (81,1%) e Ragusa (79,9%).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centomila imprese artigiane abusive, Sicilia terza regione nella classifica italiana del lavoro illegale

MessinaToday è in caricamento