rotate-mobile
Economia

Ordine dei Commercialisti, riforma fiscale sotto la lente: esperti a confronto

Avanzate alcune proposte operative per superare le difficoltà di interlocuzione tra i professionisti e l’Agenzia delle Entrate

Lo statuto del contribuente dopo  la riforma e gli altri aspetti più spinosi delle nuove norme fiscali. Sono stati questi i temi al centro dell’incontro organizzato dall’Ordine dei Commercialisti di Messina. Al tavolo, accanto al presidente Francesco Vito, il presidente dell’Associazione nazionale dei commercialisti Marco Cuchel, la direttrice provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Messina Valeria Firrarello.

Affollato l’auditorium dell’Ordine, con professioni provenienti anche da altri territori di riferimento, interessati al tema trattato e all’autorevolezza dei relatori. I professionisti non si sono lasciati scappare l’occasione di dialogare con la direttrice Firrarello e il presidente Vito ha avanzato alcune proposte operative per superare le difficoltà di interlocuzione tra i professionisti e l’Agenzia. Proposte accolte dalla direttrice che ha manifestato la volontà di dialogare con la categoria e si è impegnata a percorrere tutte le strade possibili per superare le attuali difficoltà. 

Cuchel ha sottolineato le criticità del decreto attuativo della riforma fiscale, così come si presenta nelle prime linee applicative. Particolarmente critici, i commercialisti, sia con le modifiche allo Statuto, che non sembra andare nella direzione di tutelare maggiormente il contribuente, che con il nuovo assetto del Garante del contribuente, dopo la soppressione dei garanti regionali in favore dell’unica figura nazionale. “La legge delega, gli atti parlamentari, andavano in un’altra direzione e accoglievano in parte anche le istanze della categoria – ha sottolineato il presidente dell’Anc – Il decreto attuativo è poi andato in un’altra direzione e ci lascia profondamente amareggiati”. 

L’incontro è poi entrato nel vivo con la relazione del commercialista Danilo Sciuto, partner di Commercialista telematico, che è entrato nel dettaglio delle nuove previsioni relative al concordato preventivo e allo statuto del contribuente. Anche dalla sua approfondita disamina sono emersi molti aspetti che lasciano perplessa la categoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordine dei Commercialisti, riforma fiscale sotto la lente: esperti a confronto

MessinaToday è in caricamento