rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Economia Milazzo

Raffineria di Milazzo, confermate in decreto le prescrizioni

La Cisl si dice preoccupata per il riesame degli atti che potrebbero incidere sul numero dei posti di lavoro

"La firma del decreto che conferma le prescrizioni imposte dalla conferenza dei servizi nazionale durante il riesame dell’Aia della Raffineria di Milazzo aumenta la preoccupazione per il futuro del sito industriale. Siamo preoccupati per il possibile blocco del ciclo produttivo. Il tempo degli allarmi, quelli che abbiamo lanciato con forza negli ultimi mesi, dei confronti come quello durante il consiglio comunale aperto a Milazzo, delle sollecitazioni istituzionali e politiche è, di fatto, terminato" - a dirlo il segretario della Cisl Nino Alibrandi - adesso bisogna agire rapidamente per fare comprendere che una decisione così drastica avrebbe ricadute disastrose su tutto il tessuto sociale ed economico della provincia di Messina. È necessario aprire immediatamente un confronto tra le parti sociali, la Raffineria, Confindustria ed i sindaci dei comuni interessati per capire quali saranno gli scenari immediati in termini di produzione e tenuta occupazionale ed aprire un fronte comune a tutela del territorio. È arrivato anche il momento che le deputazioni nazionali e regionali dicano con chiarezza se interverranno nei confronti del ministro affinché - conclude Alibrandi - possa essere rivalutata questa decisione, magari strutturando un percorso reale che porti ad una transizione energetica senza alcuna perdita di occupazione. Non permetteremo a nessuno di creare condizioni di desertificazione industriale e perdita di posti di lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffineria di Milazzo, confermate in decreto le prescrizioni

MessinaToday è in caricamento