rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Economia

A Messina aumentano i prezzi: si spende di più per alimenti, utenze e trasporto

L'analisi sui costi al consumo aggiornata allo scorso mese. C'è un aumento generale rispetto allo stesso periodo del 2021

Messina non sfugge all'inflazione e al più generale aumento dei prezzi al consumo. Il report dell'ufficio Statistica del Comune, aggiornato al mese di maggio 2022, ha registrato una spesa maggiore soprattutto per alimenti, utenze e mezzi di trasporto con picchi fino al +13%. Un dato in crescita rispetto al 2021 dove erano più i forti i disagi causati dalla pandemia Covid.

Il report in dettaglio

A Messina nel mese di maggio 2022 si è registrato un incremento congiunturale del 0,9% e tendenziale del +7,9% dell’indice dei prezzi al consumo. Crescono tendenzialmente rispetto all’anno precedente: prodotti alimentari e bevande analcoliche (+9,2%), bevande alcoliche e tabacchi (+1,2%), abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+28,2%), mobili, articoli e servizi per la casa (+2,5%), servizi sanitari e spese per la salute (+0,8%), trasporti (+13,3%), ricreazione, spettacoli e cultura (+1,3%), servizi ricettivi e ristorazione (+3,9%), altri beni e servizi (+1,3%). Decrescono abbigliamento e calzature (-0,4%), comunicazioni (-2,1%) ed istruzione (-0,4%).

La nota offre una sintetica analisi dei fattori che hanno contribuito a determinare le dinamiche di prezzo più marcate dei beni e servizi a rilevazione centralizzata nel mese di maggio:
Energia elettrica: si rileva un aumento congiunturale per quanto riguarda l’energia elettrica del mercato libero (+7,3%; +74,7% il tendenziale) e il gas di città e gas naturale del mercato libero (4,6%), legato alla crescita delle quotazioni delle materie prime energetiche, che è stata rafforzata dalle tensioni geopolitiche in atto soprattutto in relazione al prezzo del gas.

Servizi di trasporto: nel mese di maggio si rilevano aumenti generalizzati dei prezzi dei servizi di trasporto, legati alla riapertura della stagione turistica e all’aumento dei costi del carburante, seguito alla crescita sostenuta delle quotazioni del petrolio. Nel trasporto aereo il maggiore incremento congiunturale è registrato dai voli intercontinentali (+10,1%; +45,9% il tendenziale), seguiti dai voli europei (+6,0%; +127,6% il tendenziale) e dai voli nazionali (-4,0%; +21,4% il tendenziale). L’incremento dei prezzi dei voli intercontinentali ed europei è dovuto principalmente al segmento tradizionale, mentre quello dei voli nazionali è legato essenzialmente al segmento low cost. Si rileva inoltre un lieve aumento congiunturale dei prezzi dei trasporti ferroviari nazionali (+0,5%; -13,9% il tendenziale), a causa di una minore disponibilità di offerte per l’intercity e l’intercity notte, e dei prezzi del trasporto marittimo (+0,7%; +22,7% il tendenziale), da attribuire soprattutto alle destinazioni verso l’estero.

Attività turistiche e ricreative: per quanto riguarda i servizi turistici si rileva un aumento congiunturale dei prezzi dei pacchetti vacanza nazionali (+1,8%; -4,6% il tendenziale), dovuto essenzialmente al segmento delle città d’arte, e una diminuzione dei pacchetti vacanza internazionali (-0,9%; +8,6% il tendenziale), da attribuire per lo più al segmento mare. Aumentano, inoltre, i prezzi dei villaggi vacanze, campeggi, ostelli della gioventù e simili (+1,9%; +0,2% il tendenziale) e degli agriturismi (+2,1%). Per i servizi ricreativi si registra una riduzione generalizzata dei prezzi: gli stabilimenti balneari fanno segnare la maggiore diminuzione congiunturale (-4,9%; -1,3% il tendenziale), seguiti dai parchi di divertimento (-1,5%; -0,3% il tendenziale), dagli impianti di risalita (-0,5%; +21,2% il tendenziale) e dai parchi nazionali, giardini zoologici, giardini botanici (-0,2%; +5,6% il tendenziale).


Cultura: si rileva, a livello congiunturale, una lieve diminuzione del prezzo dei libri di narrativa (-0,2%; -1,3% il tendenziale) e una diminuzione più marcata del prezzo del download di e-book (-2,9%; -8,0% il tendenziale). Aumenta, infine, il prezzo dei giornali quotidiani a diffusione nazionale (+0,2%; +3,4% il tendenziale) e a diffusione locale (+2,3%; +2,7% il tendenziale), a fronte di un calo dei periodici (-0,2%; +1,7%). Le variazioni congiunturali di prezzo dei quotidiani e dei periodici sono legate ad una diversa distribuzione degli allegati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Messina aumentano i prezzi: si spende di più per alimenti, utenze e trasporto

MessinaToday è in caricamento