rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia

Trasporto veloce sullo Stretto, il Tar boccia la richiesta di sospensiva della Liberty Lines

La società privata era stata esclusa lo scorso mese dal bando pari a 37 milioni di euro, udienza di merito a ottobre

La Liberty Lines resta fuori dal bando per il trasporto marittimo veloce tra Reggio Calabria e Messina. Lo ha deciso il Tar del Lazio che su ordinanza ha bocciato la richiesta della società privata di stoppare gli effetti dell'esclusione decisa il mese scorso dall'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti. La sentenza di merito è stata datata il prossimo ottobre. Il gruppo armatoriale era stato l'unico a presentare un'offerta nella gara del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile e gestita da Invitalia, il cui termine è scaduto il 28 febbraio.

Sul tavolo 37 milioni di euro necessari a garantire i servizi di trasporto veloce di passeggeri tra Messina e Reggio Calabria e viceversa per i prossimi cinque anni in regime di continuità territoriale.

I sindacati avevano manifestato forti perplessità sul futuro dei lavoratori Blujet accendendo i riflettori sul problema occupazionale legato a 47 lavoratori marittimi che ad oggi non hanno specifiche tutele contrattuali.

La decisione lascia quindi nella precarietà un servizio essenziale per lo Stretto ma potrebbe aprire ora nuove anche prospettive per un rilancio del servizio da parte di Bluferries.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto veloce sullo Stretto, il Tar boccia la richiesta di sospensiva della Liberty Lines

MessinaToday è in caricamento