Economia

Stagionali del turismo pronti alla protesta ad oltranza, Fisascat Cisl: “In 15mila senza reddito”

Da Taormina alle Eolie, l'allarme del sindacato per i lavoratori senza reddito da mesi. “La crisi non svanisce con l’apertura delle attività o delle frontiere”

“Il tempo delle parole e delle promesse è concluso, adesso vogliamo fatti a sostegno dei lavoratori o avvieremo una stagione di protesta ad oltranza».

La preoccupante situazione dei lavoratori stagionali del commercio, turismo e dei servizi preoccupa in tutta la provincia di Messina, da Taormina e l'hinterland ionico e dell'Alcantara sino alla zona tirrenica ed alle Isole Eolie la Fisascat Cisl lancia un nuovo appello al governo Conte per i tanti addetti dell'industria dell'ospitalità che vedono sempre di più complicarsi la propria situazione. «In molti casi non avranno modo di lavorare quest'estate – sostiene la Fisascat Cisl Messina in una nota a firma di Salvatore D'Agostino e Pancrazio Di Leo – non è possibile pensare, come fa il Governo Conte, di risolvere la crisi del turismo ed i problemi dei lavoratori stagionali con la ripartenza delle attività commerciali e degli alberghi”.

La Fisascat Cisl evidenzia come in una provincia come quella di Messina, dove si contano circa 15 mila stagionali, la spaventosa emergenza prodotta dal Coronavirus non si può misurare nell'opportunità che avranno pochi lavoratori di lavorare solo a luglio, agosto e settembre.

“Il Ministro del Lavoro e questo Governo fanno finta di non sapere che il 70% degli stagionali rimarranno a casa quest'estate, che hanno finito di percepire la Naspi già a dicembre o gennaio e che non sanno come andare avanti. La crisi del turismo non può svanire di colpo con la riapertura delle frontiere e questo modo di fare ci lascia senza parole, ci appare sconcertante e inaccettabile”.

“Non si può accettare - continua il sindacato - che vengano respinte tutte le proposte che da anni ormai avanziamo, in termini fattivi, concreti e dettagliati, attraverso raccolte firme presentate ai vari ministri ma anche per il tramite di proposte di legge poste all'attenzione dei governi di turno e giunte nelle aule parlamentari con l'impegno di vari deputati di tutte le forze politiche, sia a Roma che a Palermo. Ribadiamo la necessità, irrimandabile di adottare misure urgenti a sostegno dei lavoratori, non soltanto con l'erogazione di aiuti economici immediati che in molti casi tardano ad arrivare e in diverse circostanze vengono persino negati per effetto di domande che vengono respinte; occorre soprattutto la modifica della Naspi e la reintroduzione dell'Aspi, per tutelare lavoratori che non possono essere abbandonati al dramma nel dramma di un altro autunno e un altro inverno senza un euro, condannati all'eterna precarietà e privati dei loro diritti fondamentali. Per questo siamo pronti a tornare in piazza e una protesta ad oltranza, fino a quando non sarà stata data voce e ascolto ai diritti dei lavoratori”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagionali del turismo pronti alla protesta ad oltranza, Fisascat Cisl: “In 15mila senza reddito”

MessinaToday è in caricamento