Economia

Tagli a filiali e personale Unicredit, personale preoccupato

I nuovi piani della società potrebbero toccare sensibilmente anche Messina, Marcella Magistro della Fisac Cgil: "Chi lavora si trova in difficoltà"

La sede centrale Unicredit in via Garibaldi

In Italia si prevedono 6mila esuberi. Il personale Unicredit è a rischio come le filiali, si parla di 450 da tagliare. Cosa subirà la provincia di Messina? Marcella Magistro, segretaria della Fisac Cgil, dichiara: "Le procedure del piano industriale devono ancora iniziare. Appena inizieranno ci saranno 50 giorni per definire i numeri, gli esuberi e le eventuali chiusure e la volontarietà per l'adesione al fondo esodi, ancora non si è definito il periodo e la modalità di volontarietà".

Visto il rinnovo del contratto nazionale di lavoro Unicredit dovrebbe far partire le procedure alla chiusura del contratto.  "Come Fisac Cgil - prosegue la Magistro - il ragionamento è quello di una Banca che ha dichiarato esuberi mentre chi lavora si trova in difficoltà, sempre in numero minore, ad affrontare la quotidianità del lavoro, con pressioni commerciali e rischi. C'è un territorio siciliano che si desertifica in servizi e lavoro e lavoratrici e lavoratori considerati solo un "costo" da tagliare a beneficio di un'azienda che fa utili e che si sposta verso un'eccessiva digitalizzazione". 

A essere colpite in particolare dovrebbero le filiali dei comuni più piccoli. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli a filiali e personale Unicredit, personale preoccupato

MessinaToday è in caricamento