Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Caronte&Tourist si rivolgono a Solimare, Figuccia chiede l'invio degli ispettori

Il deputato sollecita al presidente della Regione e all'assessore alle Infrastrutture il controllo dei flussi di cassa e fa il punto sulle sovvenzioni pubbliche

“Meno corse, meno costi ma sovvenzioni invariate (e per giunta già incassate o quasi, dato che è previsto il versamento entro marzo del 70%)”. A fronte di questo, anche il ricorso al Fondo Solimare per l’integrazione salariale dei dipendenti, disposto per far fronte al calo di attività legato all’epidemia di coronavirus.

Finisce sotto la lente del deputato Vincenzo Figuccia l’incontro  del 23 in teleconferenza tra Caronte & Tourist SpA e segreterie regionali dei sindacati, al fine di esperire la procedura di consultazione sindacale preliminare alla richiesta di prestazioni al Fondo Solimare. Le parti hanno individuato un esubero di 168 dipendenti marittimi e 50 dipendenti amministrativi.

Oggi Figuccia interroga presidente della Regione e aassessore alle Infrastrutture chiedendo  se ritengano opportuno integrare il Fondo gestito da Inps a cui contribuiscono solo datori e lavoratori del settore con uno stanziamento straordinario, se è giusto “continuare ad elargire per intero le sovvenzioni pubbliche considerando che ad oggi le corse sono diminuite” e quando intendano inviare gli ispettori alla Caronte & Tourist e Liberty Lines per controllare i flussi di cassa come da prerogative di legge.

Figuccia ricorda che diverse compagnie di navigazione (fra cui Moby, CIN Tirrenia, Siremar) percepiscono una sovvenzione pubblica per buona parte dei servizi che prestano, statale per alcune come nel caso di Cin e Siremar, regionale per altre come la Toremar.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caronte&Tourist si rivolgono a Solimare, Figuccia chiede l'invio degli ispettori

MessinaToday è in caricamento