Turismo, l'Anpit al tavolo regionale: "Ok i primi passi, ma serve strategia ad ampio respiro"

Le proposte della presidente Lidia Di Masi all'assessore regionale Manlio Messina. Chieste certezze sui 75 milioni di euro destinati al settore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

La presidente di Anpit Sicilia Lidia Dimasi ha preso parte al tavolo tecnico sul turismo ed ha presentato all’assessore regionale Manlio Messina alcune proposte per il comparto. “Ben vengano i voucher e le misure prese dalla Regione per il turismo, ma occorre sin da adesso pensare ad una strategia di ampio respiro e di lungo periodo. Il turismo in Sicilia è trainante, ma ha pagato lo scotto più grande e sarà l’ultimo comparto ad uscire dalla crisi”.

E’ quanto ha dichiarato Lidia Dimasi, presidente Anpit Sicilia nel corso del tavolo tecnico on line che si è tenuto con l’assessore regionale al turismo Manlio Messina.

“Si è trattato di un importante momento di confronto, ma le criticità sono ancora tante e soltanto puntando ad un piano strategico potremo dare risposte concrete a migliaia di aziende siciliane messe in ginocchio dalla pandemia. I voucher sono più una risposta tampone e rivolta al turismo di massa che non un concreto stimolo alla ripresa. Passeranno almeno due anni prima che si possa dire di essere usciti dalla crisi e nel frattempo occorrono misure più forti a sostegno delle imprese e dei lavoratori. Il dialogo tra le istituzioni è fondamentale per interventi che vedano insieme turismo e cultura, arte, spettacoli. Il turismo esperienziale rappresenta la fetta più appetibile e innovativa del mercato ed in questo senso è fondamentale la sinergia tra istituzioni. Dobbiamo infine aver la capacità di riattivare il turismo di prossimità, riscoprendo la bellezza dei borghi, delle nostre radici, di un territorio spesso dimenticato. Ma servono certezze sui 75 milioni di euro destinati al turismo e sul loro utilizzo anche per servizi e collegamenti. Senza servizi e infrastrutture il turista difficilmente si muoverà”.

La presidente regionale dell’Associazione nazionale per l’Industria e il Terziario si è poi soffermata sul fatto che la Sicilia è tra le mete preferite di quel 51% di italiani che hanno deciso di andare in vacanza “Non basta la promozione, occorre saper trasformare il momento di crisi in opportunità, puntando anche sullo sviluppo del sistema dei trasporti e dei servizi. Vi sono siti e località finora poco visitate nonostante il grande pregio ambientale, paesaggistico e artistico”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento