Economia Giampilieri

Metroferrovia di Messina, Uiltrasporti: “Dal 2020 prezzi più cari e niente servizi aggiuntivi”

Il segretario generale Michele Barresi: “Un salasso che scoraggerà gli utenti che dalla zona sud vogliono raggiungere il centro”. Chiesto un “deciso e urgente intervento con Regione e Trenitalia”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Dal 2020 per la Metroferrovia di Messina solo prezzi più cari e niente servizi aggiuntivi. Un nuovo anno che porterà tariffe  più care in città, sia per Atm che per la Metroferrovia Messina-Giampilieri.

“Un servizio di integrazione tariffaria tra ferrovia e bus urbani che tarda ad arrivare da anni - dichiara Michele Barresi segretario generale UIltrasporti Messina - a cui dal 2020 si aggiungerà la beffa dei costi che invece di diminuire, integrando i biglietti dei due vettori, aumenteranno del 10% sul versante Trenitalia e dal 20 al 50% sul fronte Atm.

L’abbonamento ferroviario mensile di Trenitalia per la tratta di Metroferrovia Giampilieri- Messina, 16 chilometri, passerà nel 2020 dagli attuali 49.60 euro a 54.60 euro. Agli  aumenti su rotaia per i messinesi si aggiungeranno anche i rincari annunciati dall’amministrazione De Luca sul trasporto urbano, bus e tram, con l’avvento della nuova Atm SPA, dove il biglietto giornaliero passerà  da 2,60 a 4 euro e l’abbonamento mensile  da 30 a 35 euro. 

Un salasso che scoraggerà gli utenti che dalla zona sud di Messina, un bacino che interessa circa centomila cittadini, potenziali utenti dei mezzi pubblici, treno e bus, per raggiungere il centro città, e rischia di mettere la pietra tombale su un’integrazione Atm-Metroferrovia mai realmente nata. 

Mentre il Governo Musumeci rinnova la volontà di rilanciare il servizio integrato urbano Ferro-Gomma nelle tre città metropolitane siciliane -conclude Barresi - operazione spesso naufragata all’atto del reperimento delle risorse necessarie, serve da subito un intervento per calmierare l’aumento delle tariffe se non si vuole demolire il trasporto pubblico in città ed aumentare l’uso del mezzo privato.

Sollecitiamo pertanto  un deciso e urgente intervento in merito con Regione e Trenitalia dell’amministrazione comunale di Messina e nelle more dell’integrazione commerciale con la Metroferrovia sospendere gli annunciati incrementi delle tariffe Atm.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metroferrovia di Messina, Uiltrasporti: “Dal 2020 prezzi più cari e niente servizi aggiuntivi”

MessinaToday è in caricamento