Vertenza Gicap, dopo due anni gli ex lavoratori ancora senza spettanze

La denuncia di Fisascat Cisl. "Gran parte degli emolumenti dovuti dalla Commerciale GiCap Spa sono bloccati dalla richiesta di concordato"

Nonostante siano passati due anni, i lavoratori ex Gicap si vedono ancora bloccate le spettanze. Lo denuncia la Fisascat Cisl di Messina che torna a far sentire la propria voce con una richiesta ufficiale al Tribunale

"Gran parte degli emolumenti dovuti dalla Commerciale GiCap Spa – sottolinea il segretario generale della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino – sono bloccati dalla richiesta di concordato".

Già nell’ottobre 2019 i lavoratori erano stati promotori di una petizione affinché venisse risolta la situazione ma a distanza di un anno non hanno avuto alcuna risposta.

Inoltre, denuncia la Fisascat l’azienda subentrata alla gestione precedente, ovvero Like Sicilia srl, "non ha rilanciato i punti vendita ma, anzi, ha messo i lavoratori in cassa integrazione per crisi Covid-19 riducendo così di fatto anche le loro retribuzioni mensili. Una situazione anomala nel commercio alimentare perché, mentre gli altri gruppi hanno avuto un aumento di fatturato, loro continuano a dichiarare una perdita a causa anche dell’impossibilità di investire per l’incertezza legata alle decisioni del tribunale. A pagarne le spese, però, sono solo i lavoratori che comunque continuano a dare il massimo sul posto di lavoro in una situazione di grave disagio e rischio personale perché sempre esposti alla possibilità di contagi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento