Al Castello di Santa Lucia del Mela il debutto di “io, me”

Mercoledì 19 agosto alle ore 22,00, nella splendida cornice del Castello di Santa Lucia del Mela debutterà lo spettacolo teatrale “io, me”, interpretato da Rosemary Calderone (nella foto) ed Alessandro Santoro, con la regia di Francesco Coglitore.

La pièce, inserita dal Comune tra gli eventi dell’agosto Luciese, è tratta dal monologo intitolato“Volevo gli occhi blu” di Angela Matassa, scrittrice e giornalista napoletana; gli elementi scenici sono stati realizzati da Stellario Picichè ed i costumi sono a cura di Pasquita Pollicino.

"Un bel giorno – scrive Angela Matassa in occasione della presentazione del suo testo - Giulio si sveglia nel corpo di una donna. Bellissima. Dopo lo sbigottimento iniziale, cerca di capire come possa essere successo. Ma naturalmente tutte le ipotesi non hanno una risposta concreta per la
trasformazione. È lo spunto per parlare del Corpo, del suo significato reale e simbolico, del rapporto che ognuno ne ha. Ma anche per indagare con divertimento sul maschile e sul femminile, inaspettatamente messi a confronto. Il Fisico con la sua forte presenza diviene metafora dell’oggi instabile e caotico. Gli interrogativi, i desideri, le speranze, le paure, le fragilità a poco a poco emergono nel dialogo che il/la protagonista ha con sé stesso/a, a tratti disperandosi, a tratti incuriosendosi. L’inspiegabile metamorfosi è un problema o una risorsa? La possibilità di una vita nuova e diversa o la condanna a una condizione indesiderata? E se invece rappresentasse l’opportunità per «completarsi», vivendo nella pelle del sesso opposto? Il monologo è surreale, comico ed esilarante e, in maniera leggera, affronta le problematiche maschili e femminili che si possono scatenare quando ci si guarda da vicino, dall’esterno e dalle profondità dell’animo".

Francesco Coglitore, che ha curato anche l’adattamento teatrale, afferma: "Preso dalla forza e, al tempo stesso, dalla naturalezza del testo scritto da Angela Matassa, 'Volevo gli occhi blu', ho costruito intorno ad esso una storia, introducendo il personaggio maschile, al quale ho affidato un brano tratto dal monologo “Lo specchio” di Gaber ed uno Specchio che, per le sue caratteristiche “riflessive”, diventa parte integrante dell’azione scenica. È nato quindi “io, me”, uno spettacolo teatrale a tre voci, con tre protagonisti alla ricerca di sé stessi, della loro identità, del loro essere personaggi della loro stessa vita. In una dimensione onirica, che a volte rasenta l’incubo, Giulio/a vive la sua metamorfosi in un serrato ed assurdo dialogo con sé stesso e con lo Specchio".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Roberto Lipari in “Non ce n’è comico” all’Arena Villa Dante

    • 20 settembre 2020
    • Arena Villa Dante
  • Teatro Mandanici, si riparte con “Juliet ≡ Romeo” frutto del laboratorio multidisciplinare

    • 25 settembre 2020
    • Teatro Mandanici

I più visti

  • “Messina Fest 2020”, calendario tra musica e spettacolo a Villa Dante

    • dal 12 settembre al 6 ottobre 2020
    • Villa Dante
  • Omaggio a Ennio Morricone a Villa Dante, doppio appuntamento con Alberto Urso

    • dal 26 al 27 settembre 2020
    • Villa Dante
  • Taormina Arte, si riparte con la “maratona Beethoven”

    • dal 20 luglio al 20 settembre 2020
    • Teatro Antico
  • Roberto Lipari in “Non ce n’è comico” all’Arena Villa Dante

    • 20 settembre 2020
    • Arena Villa Dante
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    MessinaToday è in caricamento