Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cultura Taormina

Taormina non dimentica, tributo in onore di Sergio Perroni

Organizzato dal direttore di Babilonia in ricordo dello scrittore morto suicida. Tanti gli amici che hanno letto pagine dei suoi libri. Col sottofondo discreto di un violoncello ed il profumo di zagara

Organizzato da Alessandro Adorno, direttore della Scuola di Italiano per stranieri “Babilonia”, si è svolto nei giardini del centro culturale che tante volte lo aveva visto presentare i suoi libri, il “Tributo in onore di Sergio Claudio Perroni”, lo scrittore, traduttore, editor ed agente letterario suicidatosi con un colpo di pistola alla testa nella trafficata via Roma di Taormina il 25 maggio. Una scomparsa che ha scosso la comunità taorminese, lasciando attoniti i tantissimi amici dello scrittore, taorminese d’adozione da molti anni. 

Un “Tributo” laico e senza orpelli - questo l’invito di Adorno – “dove ognuno leggerà un passaggio, una pagina, a sua scelta, fra le cose scritte da Sergio. Non ci saranno discorsi, orazioni retoriche o commemorazioni solenni ma la nostra lettura semplice di ciò che Sergio ha voluto consegnare alla Storia e alla Letteratura”. E così è stato.

Quello sparo in via Roma  

Con il sottofondo discreto e struggente di un violoncello ed il profumo avvolgente della zagara in piena fioritura, gli amici si sono avvicendati a dare voce alle pagine intrise del caleidoscopio dei sentimenti umani che Perroni, sminuzzandoli in un flusso continuo di parole e di flash di immagini di grande potenza mischiati a momenti di intensa delicatezza, ci ha con i suoi libri regalato. 

Con lui, raffinato cantore del complesso animo umano, è scomparso un grande intellettuale, dal pensiero libero ed acuto e dalla profonda cultura, che ha attraversato la vita celando, sotto il sorriso sornione e la caustica battuta fulminante, la dolcezza di un’anima delicata. 

Sarebbe bello ritrovare questo momento dedicato allo scrittore anche alla nona edizione del Taobuk che si svolgerà dal 21 al 25 giugno a Taormina. Perrone avrebbe dovuto partecipare nella giornata dedicata al “Desiderio dunque sono” che vedrà protagonista lo storico della lingua e membro dell'Accademia della Crusca Gian Luigi Beccaria intervenire sulla brama e necessità di scrivere, insieme a Michela Marzano, Tommaso Labate, Paolo Pejrone, Simona Sparaco, Francesca Reggiani, Silvana Grasso e Matteo Nucci. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taormina non dimentica, tributo in onore di Sergio Perroni

MessinaToday è in caricamento