Giovedì, 23 Settembre 2021
Eventi

La Sicilia ai siciliani, corteo e targa per ricordare il coraggio dei Camiciotti

Il concentramento dei partecipanti avverrà in Largo Seggiola. Il rammarico per la lapide che ricorda “Le cinque giornate” alla Casa dello Studente ancora inagibile

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Il 7 settembre, nella ricorrenza dell’anniversario della morte dei “Camiciotti”, l’associazione culturale “La Sicilia ai siciliani” insieme al Comitato “Vespro 2019”, cui aderisce, promuove un’iniziativa regionale per l’Indipendenza della Sicilia in ricordo dei Camiciotti e delle Cinque giornate di Messina.

Per l’occasione è stato organizzato un corteo che si snoderà lungo le vie circostanti la Targa che ricorda i Camiciotti e saranno presenti partecipanti provenienti da tutta la Sicilia.

Il concentramento dei partecipanti avverrà in Largo Seggiola alle ore 16.30 da cui il corteo partirà alle ore 17 seguendo il seguente percorso: Via C.Battisti, Via XXVII Luglio, Via dei Mille, Via Camiciotti, Via C. Battisti (con sosta di circa 10 minuti innanzi la sede della “Casa dello Studente” per la deposizione dei fiori) e chiusura nuovamente in Largo Seggiola dove interverranno gli organizzatori. La manifestazione si concluderà con lettura sia del manifesto dell’iniziativa e che di alcune poesie  in lingua siciliana da parte di alcuni artisti.

I Camiciotti vengono ricordati dall’Associazione Culturale “La Sicilia ai Siciliani” già dal 2010 quando venne organizzata la semplice deposizione di una corona di fiori. Da allora la stessa associazione ha ripetuto l’evento ogni anno donando nel 2013 una Targa commemorativa alla città che è stata situata proprio all’entrata della Casa dello Studente. Negli anni a seguire sono stati organizzati tour storici riguardanti Le cinque giornate di Messina del 1848 ed inoltre nel 2016 grazie alla collaborazione all’ex presidente dell’Ersu, Fabio D’amore, l’associazione è riuscita, in deroga all’inagibilità del plesso e con tutte le dovute precauzioni, a visitare la lapide posta al piano inferiore della Casa dello Studente.

Nella speranza che già dal prossimo anno i nostri eroi si possano nuovamente commemorare con visita alla lapide possiamo dire che un altro piccolo passo è stato fatto regionalizzando la commemorazione..

Senza storia non si può costruire il proprio futuro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sicilia ai siciliani, corteo e targa per ricordare il coraggio dei Camiciotti

MessinaToday è in caricamento