Martedì, 19 Ottobre 2021

Gentile a Taobuk sul desiderio di sovranità: “Il linguaggio del capo? E' sempre un'arma a doppio taglio”

Lo storico autore di “Chi è fascista” avverte sui rischi del linguaggio sovranista e nazionalista. Gli spunti di riflessione alla rassegna del libro anche con Buttafuoco e Andrea Purgatori

Si è concluso in piazza IX aprile con la presentazione in anteprima assoluta nazionale del libro del giornalista sceneggiatore Andrea Purgatori  "Quattro piccole ostriche". Sono stati cinque giorni intensi all'insegna della cultura. tante le presentazioni e i momenti di apprfondimento. Migliaia gli spettatori. 

Ieri a Taobuk, lo storico Emilio Gentile, accademico italiano, studioso di storia contemporanea, in particolare del fascismo che si è soffermato anche sui rischi del linguaggio sovranista e nazionalista “che è sempre - ha spiegato - un'arma a doppio taglio” e il giornalista Federico Fubini hanno conversato sul "desiderio di sovranità"; il giornalista Pietrangelo Buttafuoco con la sua lectio magistralis su Pirandello e la Sicilia; l’omaggio a Leonardo con lo storico e critico d’arte Jacopo Stoppa e l’autore Giovanni Agosti; Matteo Nucci, con l’incontro “Eros e disìo”; e ancora a cinquant’anni dalla scomparsa della Natività di Caravaggio, una conversazione con Salvatore Silvano Nigro e il Generale di Brigata Roberto Riccardi.

A seguire le interviste di Andrea Purgatori e Pietrangelo Buttafuoco

Video popolari

Gentile a Taobuk sul desiderio di sovranità: “Il linguaggio del capo? E' sempre un'arma a doppio taglio”

MessinaToday è in caricamento