Dal Museo dei Sommersi a Casa Sicilia, la grande bellezza a Sant'Alessio Siculo

A Villa Genovesi tutto il fascino dei reperti recuperati dai fondali marini. Partono inoltre gli eventi dedicati al mare e ai borghi siciliani

Museo dei sommersi

A Sant'Alessio Siculo nasce il  “Museo dei Sommersi. Alla memoria del mare”. Iniziativa realizzata  dagli esperti nominati a titolo gratuito dall’assessore al Turismo e alla Cultura: Antonella Fede, esperta in pubbliche relazioni e organizzazione di eventi; Filippo Grasso ed Enrico Nicosia, docenti presso l’Università di Messina; Fulvia Toscano, direttore artistico di NaxosLegge ed esperta di programmazione culturale; Rosangela Todaro, esperta di ambiente e sostenibilità. 

Il mare sarà protagonista assoluto  del Museo che sorgerà a Villa Genovesi. Sui fondali al largo di Capo Sant’Alessio sono adagiati, infatti, due relitti di epoca romana (III sec. D.C.). Uno di questi si trova ad una profondità  minore e questo ha consentito alla Sovrintendenza del Mare della Regione Sicilia di riportare alla luce numerosi reperti archeologici di particolare pregio, custoditi attualmente tra il museo di Naxos e quello di Messina. Nel “Museo dei Sommersi” sarà possibile ammirare invece due anfore e un’ancora, ma anche una serie di strumenti legati alla pesca.  

“Per un borgo dalle antiche tradizioni marinare come il nostro – spiega l’assessore Virginia Carnabuci – l’istituzione di un museo dedicato al mare era da tempo attesa e servirà a custodire la memoria storica dei nostri pescatori e dei barcaioli. Molti di loro, infatti, hanno tramandato agli eredi l’amore per il mare e per la pesca. Il museo servirà a valorizzare le nostre tradizioni grazie al contributo di privati cittadini e associazioni, con l’augurio che questo progetto possa crescere grazie al coinvolgimento delle altre Istituzioni”. Giampiero Santoro e Pippo Ariosto, ad esempio, hanno donato, tra l’altro, una lampara, nasse, fiocine, un paranco oltre agli strumenti per la realizzazione delle barche da pesca.

Il 24 luglio alle 21 partirà invece il  progetto “Casa Sicilia” nel Giardino di Villa Genovese grazie al protocollo d’intesa firmato dal Comune di Sant’Alessio. Evento promosso  dall’Associazione “Le Officine di Hermes”, che presenterà, in una sorta di salotto a più voci, la grande bellezza del nostro territorio.

Si comincerà  con  “La Sicilia del mare”. A raccontarla saranno Giuseppe Cacciola, esperto Ambiente marino; Santi Costa, presidente Lega Navale Italiana, Sezione Capo S. Alessio - Capo Alì; Antonella Donato, “I Mancuso Pescaturismo”, Rosanna Garufi, assessore alla cultura del Comune di Furci Siculo-(Museo del Mare); Francesco Greco, presidente associazione nazionale “Fare verde”-Progetto Il mare d’inverno;  Paola Pellicane, presidente dell'associazione Strettoinfinito -Trofeo Claudio Pellicane Regata Windsurf dello Stretto;  l’artista Fabio Pilato; Franz Riccobono, Consiglio regionale dei  BBCC, della Regione Siciliana. Coordina Fulvia Toscano, direttore artistico di  Naxoslegge. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venerdì 31 luglio l’Archeoclub di Sant’Alessio invece prporrà  uno sguardo sui borghi, attraverso gli scritti di Carmelo Duro. E di borghi si parlerà anche sabato 1 agosto, sempre alle 21, nel Giardino di Villa Genovese, nel secondo appuntamento di Casa Sicilia: “La Sicilia dei Borghi e dei cammini”. Interverranno: Salvatore Bartolotta, presidente della Associazione dei Borghi più belli-Sicilia; Eugenio Enea, coordinatore Comitato per la Chiesa Normanna di Mili; Fabrizio Ferreri, scrittore, autore di “La Sicilia dei borghi”; Filippo Grasso, Università di Messina, curatore del volume “L’anello del Nisi”. Daranno il loro contributo al dibattito, con il coordinamento del direttore artistico di Naxoslegge, Fulvia Toscano, anche Cristiano La Mantia, responsabile Urbex-Liotrum di Catania - Ascosi Lasciti; Michele Palamara, ideatore del progetto "Rete dei borghi", referente del gruppo "Architrekking"; Mimmo Targia, direttore Museo di Terrasini e curatore del progetto sui Borghi marinari di Sicilia e Filippo Taranto, sindaco di Montalbano Elicona, Borgo dei Borghi 2015. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento