Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pietro Bartolo premiato a Salina, “La mia storia in una fiction bloccata dalla Rai”

Il retroscena raccontato dal medico di Lampedusa alla rassegna “Arcipelaghi umani”. Un caso simile alla pellicola su Mimmo Lucano, definitivamente esclusa dal palinsesto Rai

 

“Spero che l'Italia possa ravvedersi, che possa tornare ad intraprendere di nuovo quella strada di umanità, quella che ci sta venendo a mancare. Dobbiamo reagire tutti insieme a questa deriva pericolosissima e riprendere la strada di quei valori che stanno alla base della nostra vita, solidarietà, acccoglienza, rispetto. Togliendo questi valori, ci resta davvero poco”.

Parola di Pietro Bartolo, il medico che dal 1992 è responsabile della prima assistenza medica offerta ai migranti che sbarcano a Lampedusa. Bartolo è stato premiato alla XIII° edizione del Salina Festival ideato da Massimo Cavallaro che è anche direttore artistico e che quest'anno ha scelto come tema portante “Arcipelaghi umani”.

Come sempre hanno incantato i racconti di Pietro Bartolo. Il suo lavoro, riconosciuto anche a livello internazionale, è stato immortalato anche nel documentario Fuocoammare di Francesco Rosi, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino del 2016.

Un riconoscimento che sconta ogni tanto anche oscuri pregiudizi e boicottaggi.

E' stato lo stesso Pietro Bartolo a rivelare ieri a Salina che una fiction incentrata su di lui e il suo lavoro è stata bloccata dalla nuova dirigenza Rai. La fiction, interpretata da Sergio Castellitto ed già pronta, montata e pronta per la messa in onda ma resta bloccata negli archivi di viale Mazzini. Una decisione che ricorda la censura alla fiction su Mimmo Lucano intrerpretata da Beppe Fiorello.

Una fiction che avrebbe dovuto essere trasmessa lo scorso anno e che l'azienda Rai ha deciso di fermare in attesa che si concluda l'inchiesta sul sindaco di Riace, per presunti reati collegati al sistema di accoglienza. E' di questi giorni la notizia che la Rai l'ha esclusa categoricamente dal palinsesto.

Nel frattempo Lucano è diventato un simbolo di un sistema dell’accoglienza modello, così come un simbolo è per la Sicilia Pietro Bartolo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento