rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Eventi

Per Natale Caminiti firma il "Panettone di Caravaggio Pop", quando il design incontra il gusto

Omaggio per il 450esimo anniversario del grande pittore. Caminiti: “Ricavato in beneficenza e scatola da custodire come un'opera d'arte"

Continuano le iniziative per il 450esimo anniversario di Caravaggio promosse dal Comune di Messina. Stamattina davanti  alla  targa posta  in via San Camillo in onore dell’artista, alla presenza dell’assessore alle Attività Produttive e Promozionali Dafne Musolino; dell’esperto comunale di arte contemporanea Alex Caminiti; e dell’archichetetto Nino Principato, è stato presentato il “Panettone di Caravaggio Pop”. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato alla Cultura, e firmata dall’artista Caminiti in collaborazione con l’Istituto Antonello e la dirigente scolastica Laura Tringali è il risultato di un lungo e faticoso lavoro al fine di trovare il giusto equilibrio tra design e gusto nonchè di fondere le due espressioni di arte: pittura e cucina.

“È sempre motivo di soddisfazione – ha detto l’assessore Musolino – presentare iniziative frutto di un lavoro di squadra, e per questo ringrazio gli studenti e la dirigente dell’Istituto Antonello che insieme all’artista Caminiti hanno realizzato il tipico dolce natalizio che non è soltanto il panettone di Natale, ma è il risultato di professionalità in grado di fondere design e gusto al fine di veicolare attraverso il Panettone di Caravaggio Pop, l’arte, la storia e la cultura della nostra città”. “La scelta di presentare il panettone in via San Camillo nasce dalla circostanza – ha spiegato Principato – che in questa strada sorgeva una chiesa, distrutta poi dal terremoto del 1783, dove nel 1609 Michelangelo Merisi dipinse la Resurrezione di Lazzaro. Questa la motivazione di avere allocato, nei giorni scorsi, la targa proprio qui, e oggi di presentare il tradizionale dolce di Natale dedicato allo straordinario pittore per ricordare il 450esimo anniversario della sua nascita.

L’artista Caminiti, con il suo estro e le sue provocazioni ha espresso una contaminazione o meglio una dissacrazione in senso positivo così come faceva Caravaggio, antesignano della pittura moderna, per avere espresso non quella forma di pittura accademica bensì un’arte in chiave moderna e innovativa. Pertanto, Caminiti sulla scia di Caravaggio ha riprodotto il logo di una banconata delle vecchie 100 mila lire dipingendo delle x e dei cuoricini, rappresentando simbolicamente le prime, il denaro e la società dei consumi, i cuoricini sono lo spirito che sopravanza il denaro con il cuore”. “Ci sono diversi modi di veicolare un’informazione – ha aggiunto l’assessore Caruso – quella scelta da Alex Caminiti e dall’Istituto Antonello, diretto dalla Preside Laura Tringali, è senz’altro originale. Il nome di Caravaggio anche attraverso il dolce più rappresentativo della tradizione Natalizia; un modo creativo per mantenere viva l’attenzione sul 450esimo anniversario della sua nascita e destare la curiosità per approfondirne la conoscenza”. Relativamente alla possibilità di degustare il panettone l’artista Caminiti ha informato che può essere acquistato tramite i contatti dell’istituto Antonello, precisando che “il ricavato della vendita andrà in beneficenza, mentre la scatola potrà essere custodita come un’opera d’arte”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Natale Caminiti firma il "Panettone di Caravaggio Pop", quando il design incontra il gusto

MessinaToday è in caricamento