rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Eventi

Messina in Festa sul Mare, Basile: "Da qui parte il rilancio della città"

Soddisfazione del sindaco per l'evento. L'assessore Caruso: "Un lavoro di squadra che ha coinvolto oltre 600 persone, c’è un’amministrazione che ci crede e che è capace di aggregare"

Si è conclusa ieri con la rievocazione storica la manifestazione “Messina in Festa sul Mare – Lo spettacolare sbarco di Don Giovanni d’Austria a Messina”, organizzata dall’Associazione Aurora.

Grande coinvolgimento e partecipazione per questa XIV edizione che dopo due anni di stop forzato a causa dell’emergenza sanitaria è tornata a celebrare storia, cultura e tradizioni e unire i messinesi e turisti in una grande festa sul mare.

«Ritornare dopo due anni e mezzo di pandemia a realizzare un momento del genere con tanta gente di Messina – ha affermato l’assessore alla Cultura Enzo Caruso – ma anche con tante persone che sono venute da fuori, porta la nostra città al centro del Mediterraneo in una dimensione di grandi eventi. Questa amministrazione crede che le grandi manifestazioni portino turismo e quindi economia. In questi cinque anni vogliamo realizzare un programma che ci consentirà di avere un evento al mese in modo da poter destagionalizzare il nostro agosto e fare in modo che la città si ripopoli di gente come un tempo era questo porto. La più grande soddisfazione è quella di aver fatto un lavoro di squadra di oltre 600 persone, la più grande soddisfazione è che c’è un’amministrazione che ci crede e che è capace di aggregare, e questa è una cosa che serve alla nostra città. Dobbiamo cominciare a pensare non più con rassegnazione ma alla capacità di questa nostra città di essere attrattiva».

La manifestazione e i partecipanti

Oltre 150 tra attori e figuranti, 12 gruppi storici italiani, tra i quali i messinesi Tercio Viejo di Sicilia e Compagnia Rinascimentale della Stella con cavalli e carrozza dell’Associazione “Carrozze storiche Molonia”, gli sbandieratori del gruppo storico “Marduk” di Rometta e i tamburini dell’Associazione Sicularagonensia di Randazzo, hanno sfilato per le strade cittadine nel tradizionale corteo storico e hanno contribuito a dare lustro e spettacolarità a questo ormai tradizionale appuntamento che da quattordici anni coinvolge numerose realtà.

30 imbarcazioni istituzionali e delle marinerie della Riviera di Messina e di Catona, tra cui la nave scuola Palinuro, unità a vela della Marina Militare, che ha rappresentato la “Galea Real” di Don Giovanni, e le barche d’altura Mascalzone Siculo Evai, Sif Ursuladiciottodieci, Velabianca Lega Navale di Villa S. Giovanni che hanno rappresentato la flotta di Don Giovanni.

40 partner tra associazioni e istituzioni e 50 patrocini tra cui il Ministero dei Beni Culturali, Comune e Città Metropolitana di Messina, i comandi dei Vigili del Fuoco, Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto e Guarda Costiera, Autorità Portuale, Questura, Camera di Commercio, Teatro Vittorio Emanuele, Fondazione Bonino Pulejo e Fondazione Palazzo Colonna (Roma).

«Per me questa occasione è molto importante – ha detto il sindaco di Messina Federico Basile, che nel pomeriggio ha celebrato lo sposalizio del mare – perché questa non è solo una rievocazione storica ma anche un momento in cui ci riprendiamo le nostre sane abitudini, la voglia di fare quello che abbiamo fatto oggi. Vi ringrazio di avermi coinvolto e reso protagonista di questa XIV edizione. Sono convinto che dalla rievocazione possa partire un rilancio importante della nostra città, con la stessa voglia che ho visto negli occhi di tutti, che serve a Messina per farla diventare città di cultura e città di accoglienza».

Presenti anche i delegati del network euromediterraneo “Sulle rotte di Lepanto. Dallo scontro all’incontro”: Stefano Cecchi, sindaco di Marino, César de Requeses Moll Presidente dell’Associazione “PuraVida” di Granada; Guillermo Lopez Reyes Presidente dell’Assocazione La Librea, Gregorio Demetrio Dorta Herrera vice presidente dell’Associazione La Librea; Emanuele De Marzi per l’Associazione “Arte e Costumi Marinesi” della città di Marino, Gianluca Tedaldi della Fondazione Palazzo Colonna, Benedetta Cascio Gioia dell’Associazione Corteo Storico Carlo V di Nicosia, che hanno ringraziato l’organizzazione e la città di Messina per la calorosa ospitalità.

L’antropologa culturale delegata dal Ministero della Cultura Bianka Myftari ha ribadito l’importanza storica e culturale di questo evento: «Con il Ministero della Cultura – ha detto – stiamo portando avanti un progetto di mappatura delle rievocazioni storiche. Abbiamo scelto le rievocazioni più rappresentative e impegnative, una per regione. Io ho scelto “Lo spettacolare sbarco di Don Giovanni” come la più rappresentativa della Sicilia. Oltre la magnifica ospitalità, ho visto tante belle realtà per la valorizzazione del patrimonio culturale e immateriale e sono molto contenta di questo».

La rappresentazione è stata sceneggiata dall’architetto Nino Principato e interpretata dall’attore Mauro Failla nei panni di Don Giovanni, Nunzio Barbera (Stratigò), Pippo Castorina (Mons. Reitana), Filippo Faillaci (Maurolico), Guillermo Lopez (Miguel Cervantes), Gregorio D. Dorta Herrera (Alvaro de Bazan), Umberto Costa (Giannandrea Doria), Nino Prisa (Don Juan De Cardone), Filippo Cavallaro (Vincenzo Marullo), Felice Currò, Orazio Badia, Pippo Olivero, Lillo Centorrino, Pippo Pizzuto, Mauro Guidolin (Giovanni Scranzo), Elia Battaglia (Sebastiano Venier), Rudi Perin (Agostino Barbarigo), Teresa Favino (Badessa Giovanna Tiepolo Soranzo), Omero Armeno (Antonio Surian) Emanuele DeMarzi (Cavaliere Alessandro Negroni), Carlo Pompili (Marcantonio Colonna), Roberto Flammini (Romegas Mathurin), Marco Vanutelli (Pietro Giustiniani), Pierfrancesco Bardelloni (Pompeo Colonna),  Guido Quaglianni (Orazio Caetani). Sullo sfondo, una riproduzione dell’antico Palazzo Reale proiettata sulla facciata del Municipio offerta dall’Amministrazione Comunale.

Premiazione della contrada Paradiso

Nel corso dell’evento si è svolta premiazione della contrada Paradiso, vincitrice del Palio d’agosto “Trofeo Don Giovanni d’Austria”, a cura del Circolo Ricreativo di Pace e della Lega Navale Italiana sez. di Messina, e la premiazione della regata velica a cura di Assonautica Messina e della Lega Navale Italiana sezione di Messina. I vincitori sono: Fabio Castriciano (classe open/multiscafi), Mauro Prestipino (classe sunfish), Giuseppe Biriaco (classe laser), Giacomo Macchiarelli (classe optimist), Gabriele Lo Prete (classe vele classiche/vela latina), Mauro Fusconi (classe windsurf), Andrea Di Sarcina e Alberto Sciva (classe 420).

I ringraziamenti del Comune

Ringraziamenti particolari sono stati rivolti a tutte le realtà, le autorità, gli enti istituzionali e non, associazioni e soggetti che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa iniziativa: Ministero della Cultura, Stato Maggiore Marina Militare Italiana, Comune di Messina e Città Metropolitana di Messina, Polizia di Stato, Comandi Interregionale e Provinciale dei Carabinieri, Prefettura, Comando Regionale e Provinciale della Guardia di Finanza, Gruppo Aeronavale e Stazione Navale della Guardia di Finanza, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Autorità Portuale, Agenzia delle Dogane, Direzione Marittima Sicilia Orientale, Capitaneria di Porto e Guardia Costiera, Comando VV.UU., Archivio di Stato di Messina, Fondazione Bonino-Pulejo, Camera di Commercio, Ivo e Danilo Blandina e “Marina del Nettuno”, Paola Sabella, Fondazione “Salonia” e Felice Ruggeri, Comune di Lepanto, Ist. Istr. Sup. “Minutoli”, Carmelo Picciotto, Danny Anna, Istituto Nautico “C. Duilio”, Amm. Piero Ricca, Piloti dello Stretto, Società Rimorchiatori Augusta, Ormeggiatori del Porto, Lega Navale di Messina, Circolo Ricreativo di Pace, Club Nautico Paradiso, Assonautica, Club Motonautica, Associazione Arsenale di Messina-ONLUS, Guardia Costiera Volontaria, Protezione Civile Comunale, Associazione Nazionale Carabinieri, Gruppo di Protezione civile Nettuno Rescue, Nucleo Diocesano di protezione civile, Mari e Monti 2004, Accir Messina, Misericordia, Croce Rossa, Nova Militia Christi, Associazione Gonzaga, Carrozze Storiche Molonia, Arturo Tinnirello, Associazione Marduk, Associazione Arte e Costumi Marinesi, Benedetta Cascio Gioia, Carmelo De Leo, Tercio Viejo di Sicilia, Giuseppe Amato, Compagnia Rinascimentale della Stella, Filippo e Giovanni Isolino, Rocco Papandrea, Sergio Indelicato, Roberto Ripepi, Nino Principato, Fondazione ITS Albatros, Fabrizio Scamaruzza e Maria Greco – NonsoloCibus, Acqua Cavagrande, Santi Ilacqua, Nico Pandolfino, Alessandro Billè, Emilio Lisciotto, Messina Tourism Bureao, Gaetano Majolino e Gaetano Antonazzo, Gazzetta del Sud, RTP, Redazioni di TCF Messina, TG Messina, Tempo Stretto, Messina Ieri e Oggi, MessinaWeTV, MessinaWeb.eu, Nicola Salvo, Hotel S. Elia, Guillermo Lopez, Gregorio Herrera, Fulvio Cama, Adolfo Morelli, Piero Pettenò – Marco Polo Project (Venezia), Jannis Kutsuclachis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina in Festa sul Mare, Basile: "Da qui parte il rilancio della città"

MessinaToday è in caricamento