Green new deal di industria e lavoro, workshop al Palazzo camerale

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile e la transazione ecologica ed energetica. L’idea è di “accompagnare” l’Europa alla “carbon neutrality”, ossia a zero emissioni di anidride carbonica, entro il prossimo 2050

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

«La comunità produttiva del nostro territorio ha un’importante occasione di crescita e innovazione in direzione della sostenibilità, in tutti i settori economici». Così il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina, nell’introdurre i lavori del workshop “Il Green new deal di industria e lavoro - Gli obiettivi di sviluppo sostenibile e la transazione ecologica ed energetica”, svoltosi questa mattina al Palazzo camerale.

«Una prospettiva di sostenibilità legata a due elementi – aggiunge Blandina – l’accentuarsi di misure che tendono a ridurre l’uso di combustibili fossili e un maggiore sfruttamento delle energie rinnovabili. Il che presuppone l’adozione di nuove tecnologie, rilanciando le imprese sul piano competitivo, a condizione che le produzioni siano sempre più green e rispondano a consumatori sempre più attenti. Un’opportunità da non perdere per la provincia messinese, che parte certamente favorita rispetto ad altri territori anche grazie all’istituzione delle Zone economiche speciali, alle misure a favore della riduzione del costo del lavoro e agli incentivi economici messi in campo dai Governi nazionale e regionale».

L’idea è quella di “accompagnare” l’Europa, attraverso il “Green new deal”, sino alla “carbon neutrality”, ossia a zero emissioni di anidride carbonica, entro il prossimo 2050.

«Il Green New Deal è lo sforzo che l’Europa e gli stati membri stanno facendo per colmare il loro deficit tecnologico nei confronti di USA e Cina soprattutto – afferma Giuseppe Sabella, direttore di Think-industry 4.0 e research fellow della Donald Lynch Foundation (North Carolina, USA) - vera frontiera dell’innovazione digitale. Germania, Francia e Italia in particolare hanno l’occasione di recitare un ruolo importante nel nuovo ciclo economico grazie alla loro capacità industriale: l’Italia non solo è la seconda potenza manifatturiera d’Europa, ma è anche fortemente integrata con la piattaforma tedesca, vero cuore produttivo europeo».

L’obiettivo della Commissione europea è di rilanciare e innovare le sue filiere produttive. «Le risorse del Recovery Fund servono per rilanciare il nostro made in Italy – aggiunge Sabella - e per proiettarlo verso l’innovazione digitale e la sostenibilità ambientale. I settori che più contribuiranno all’innovazione e alla ripresa sono quelli i cui prodotti sono riconosciuti come eccellenti in giro per il mondo: meccanica di precisione, componentistica ad alto valore aggiunto, come computer, elettronica, ottica, chimica e petrolchimica, farmaceutica, tessile, abbigliamento, legno. Ma le vere sorprese arriveranno dai comparti più vicini all’innovazione: la mobilità, l’energia e il riciclo. La mobilità è completamente stravolta non solo da car sharing e car pooling ma anche dal fatto che ci si muoverà di meno, o almeno con destinazioni diverse. A ogni modo, l’auto elettrica sarà uno dei simboli del ciclo alle porte. E l’industria italiana potrebbe giovarsene».

Presente al workshop anche il segretario generale della Camera di commercio, Paola Sabella, e i componenti di Giunta, Tonino Genovese e Vito Siracusa; i prof. Gabriele Centi; Giovanna D’Angelo; Siglinda Perathon; Josè Gambino; l’avvocato Giuseppe Terranova; Giovanni Mastroeni, segretario generale Cgil Messina; Emilio Castelli del “Gruppo Duferco”; Luca Franceschini della Raffineria di Milazzo; Santino Cannavò della Uisp Messina; gli architetti Mariano Tornatore; e Girolamo Pecora; l’ingegnere Rosalba Scurria.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento