rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Green

Cohousing e comunità energetiche, la sperimentazione Legambiente e Homers a Messina

Obiettivo del progetto 'synoikeo' è rigenerare alcune parti di città in difficoltà attraverso ad esempio il riuso di immobili dismessi pubblici e privati a fini abitativi, con l'integrazione di spazi per il cohousing, di lavoro, produzione, servizio e cultura condivisi e aperti al territorio

Avviare su tutto il territorio italiano esperienze di cohousing e di comunita' energetiche rinnovabili partendo dal Mezzogiorno, con sperimentazioni a Messina, Taranto e Napoli. È quanto prevede il progetto 'synoikeo' che vedrà collaborare insieme Legambiente e Homers, una societa' benefit spin-off del politecnico di Torino, specializzata nella costruzione di comunita' di abitanti per il recupero di immobili dismessi. L'obiettivo e' "rigenerare alcune parti di città in difficoltà - sottolineano Legambiente e Homers - attraverso ad esempio il riuso di immobili dismessi pubblici e privati a fini abitativi, con l'integrazione di spazi per il cohousing, di lavoro, produzione, servizio e cultura condivisi e aperti al territorio". "Con questo tipo di interventi - spiega Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente - vogliamo contribuire a dare una risposta in forma innovativa a una domanda di abitazione di persone a basso reddito che oggi non trova risposta, per il limitato numero di edifici di edilizia residenziale pubblica e per i prezzi di mercato. Nelle citta' italiane, in particolare del Sud, e' presente un vasto patrimonio che si trova in uno stato di abbandono e che puo' essere recuperato con progetti di abitare condiviso. Con interventi di questo tipo puntiamo anche a dimostrare come che e' possibile affrontare il tema della crescente poverta' energetica presente nel nostro Paese: oltre 2 milioni di famiglie in Italia non riescono a pagare le bollette del riscaldamento o della luce. Riqualificare il patrimonio edilizio puntando a ridurre fino ad azzerare i fabbisogni di energia per riscaldamento e raffrescamento, autoproducendo e condividendo l'energia prodotta da pannelli solari, e' la strada piu' efficace e lungimirante per affrontare i problemi delle citta' italiane e aiutare le famiglie in difficolta'".

"Ricostruire nuclei di comunita' a partire dalla scelta di abitare insieme non significa solo promuovere in nuove forme ed autonome il diritto alla casa - afferma Matteo Robiglio, presidente di Homers - vuole anche dire praticare una urbanistica rigenerativa, a consumo di suolo zero, fatta non di vincoli e conservazione, ma di riuso, economia circolare, innovazione tipologica e ritrovata bellezza. L'esperienza della pandemia ci ha mostrato quanto i nostri spazi abitativi e urbani debbano essere ripensati, proponendo nuove configurazioni tra casa e lavoro, tra interno ed esterno, tra privato e condiviso, e incorporando in modo intelligente nuove tecnologie energetiche e digitali nel tessuto esistente delle nostre citta'". La prima 'comunita' energetica' sostenuta da Legambiente e' partita qualche settimana fa a Napoli, ma synoikeo lavorera' anche a Messina e a Taranto. Inoltre, gruppi, associazioni, amministrazioni, operatori che vogliano proporre un'iniziativa possono scrivere a synoikeo@legambiente.it o synoikeo@homers.co.

Fonte: Dire

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cohousing e comunità energetiche, la sperimentazione Legambiente e Homers a Messina

MessinaToday è in caricamento