rotate-mobile
Politica

Maurizio Croce sempre più vicino alla presidenza dell'Autorità portuale, Russo pronto a tornare in consiglio

Entro la fine del mese di ottobre potrebbero cambiare gli scenari di palazzo Zanca e dell'istituzione portuale dove a breve scadrà l'incarico di Mario Mega

Alessandro Russo di nuovo sugli scranni di Palazzo Zanca. Un ritorno, quello del consigliere del Pd, primo candidato fra i non eletti, che potrebbe scattare a fine mese se Maurizio Croce verrà nominato alla presidenza dell’Autorità di sistema portuale. L’ex candidato sindaco del centrodestra, consigliere comunale, anche se assente giustificato per la maggior parte del suo mandato, e commissario per il dissesto idrogeologico sembra infatti sempre più vicino alla successione di Mario Mega il cui mandato come presidente dell’Adsp scade il 26 ottobre.

Un incarico, quello di Mega, che potrebbe essere prorogato per 45 giorni, anche se lo scenario sembra improbabile. Intanto il nome di Croce, che non ha mai nascosto il desiderio di succedere a Mega, è sul tavolo del ministro alle Infrastrutture Matteo Salvini e potrebbe mettere d'accordo tanto il presidente della regione Sicilia Renato Schifani quanto quello della regione Calabria Roberto Occhiuto. L'incarico, infatti, viene conferito dal Ministero ma di concerto con entrambe le presidenze della Regione. 

Scatterebbe a quel punto l'incompatibilità dell'incarico di Croce in consigilio comunale. Quest'ultimo, dunque, dovrebbe dichiararlo decaduto e procedere con lo scorrimento e, dunque, la nomina di Russo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maurizio Croce sempre più vicino alla presidenza dell'Autorità portuale, Russo pronto a tornare in consiglio

MessinaToday è in caricamento