rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Politica

Amministrative, centrodestra compatto candida Croce: "La ritrovata unità mi riempie di orgoglio"

Fumata bianca dal tavolo romano. La coalizione si è ricompattata sul nome del capo della Struttura commissariale contro il dissesto idrogeologico del governo Musumeci. Germanà: "Cosa dovrà fare la Lega a Messina me lo dovrà comunicare il mio leader Matteo Salvini"

E' Maurizio Croce il candidato sindaco del centrodestra per le prossime elezioni amministrative di Messina. La coalizione, che ancora non ritrova l'unità su Palermo, si è invece ricompattata per la città sullo Stretto sul nome del capo della Struttura commissariale contro il dissesto idrogeologico del governo Musumeci. 

"Il tavolo del centrodestra a Roma ha trovato la sintesi sul candidato a sindaco di Messina" aveva annunciato in serata, con una nota, il coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè al termine della riunione con i rappresentanti degli altri partiti della coalizione.

L'ex assessore al Territorio e ambiente della Regione Siciliana, è dunque il nome sul quale il centrodestra ha trovato la sintesi unitaria per la candidatura a sindaco nella città di Messina. Croce godrebbe di un ampio sostegno da parte della coalizione, che oggi a Roma ha fatto il punto sullo scacchiere delle candidature per le Amministrative nell'Isola. 

"Avevo posto l'unità della coalizione come condizione per la mia candidatura, saperla oggi compatta sul mio nome mi riempie di orgoglio. Adesso ci sono tutte le condizioni per partire con una bella campagna elettorale per Messina" è il commento di Maurizio Croce all'Adnkronos.

A sostenere Croce una coalizione ampia (Forza Italia, Lega, Udc; Noi con l'Italia, Autonomisti) che, salvo smentite dovrebbe comprendere anche Fratelli d'Italia e La Nuova Dc di Totò Cuffaro, passando per Sicilia Futura di Picciolo e Ora Sicilia di Genovese. "Spero che arrivi anche il sostegno di altri" dice Croce, guardando a Italia Viva con Matteo Renzi e Azione di Calenda.  Capo Dipartimento alla Regione con Raffaele Lombardo, assessore al Territorio con Rosario Crocetta, e poi commissario per il dissesto idrogeologico nella Struttura del governo Musumeci, Maurizio Croce potrebbe apparire poco "politico" ma questo, a suo dire, è il suo valore aggiunto. "E' la prova provata che io sono più un tecnico. Forse se mi avessero visto come un 'politico' non ci sarebbe stata questa unità sul mio nome. Direi che la mia è una candidatura tecnica-politica". 

Non sembra aver preso bene la notizia, l'esponente della Lega Nino Germanà, anche lui pronto a scendere in campo: “Cosa dovrà farà la Lega a Messina - dice a MessinaToday - me lo dovrà comunicare il mio leader Matteo Salvini. Se ci fosse stata una chiusura unitaria su Croce probabilmente avrei letto una nota a firma congiunta di tutti i leader e non soltanto di Miccichè”.

Articolo modificato alle 22 del 6 aprile 2022// aggiunta dichiarazione Nino Germanà

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative, centrodestra compatto candida Croce: "La ritrovata unità mi riempie di orgoglio"

MessinaToday è in caricamento