rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Politica

Dopo la bocciatura l'Ars dà l'ok al consolidato 2022: "Prosegue il riordino dei conti della Regione"

Si tratta del documento contabile consuntivo che riunisce i risultati economico-finanziari del Gap (Gruppo amministrazione pubblica) composto dagli enti partecipati, controllati o strumentali

Dopo la bocciatura di martedì, l'Ars ha approvato il bilancio consolidato 2022 della Regione con 35 voti favorevoli e 27 contrari. Si tratta del documento contabile consuntivo che riunisce i risultati economico-finanziari del Gap (Gruppo amministrazione pubblica) composto dagli enti partecipati, controllati o strumentali della Regione, documento munito di parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti. L'atto è stato approvato al secondo tentativo: ieri la votazione era finita in parità e come da regolamento a prevalere sono i contrari.

Dice il presidente Renato Schifani: "Abbiamo lavorato e continueremo a lavorare per avere una situazione di bilancio regolare e ben definita per dare ai siciliani certezze sulla tenuta della Regione e sulle risorse da utilizzare nei servizi e nell’attività amministrativa". 

"Il via libera al consolidato 2022 - aggiunge l’assessore regionale all’Economia Marco Falcone - conclude di fatto la fondamentale attività di riordino contabile, impegno da noi assunto e attuato nell’ultimo anno. In questo documento prosegue la nostra azione di allargamento del perimetro di consolidamento e dunque degli enti legati alla Regione che vengono sottoposti ad attento controllo. Nel 2018 l'amministrazione regionale riusciva a inserire nell’elenco 21 enti, oggi invece siamo a 73, rafforzando così i principi di certezza e di trasparenza che devono connotare i conti del nostro ente. Stiamo facendo chiarezza su questi enti, in gran parte attivi e strategici, ma ci sono anche dei carrozzoni che già l’anno prossimo potranno essere cancellati a decine. Con l’approvazione del Consolidato, passeremo ora - ha concluso Falcone - al reclutamento di nuovo personale attraverso le assunzioni dei vincitori dei concorsi al momento pendenti".

Gli enti rientranti nel Gap della Regione Siciliana, come riportato dal Bilancio consolidato 2022, sono 158 e cioè 23 organismi strumentali, 69 enti strumentali non in liquidazione, un organismo tecnico, 8 società controllate, 4 società partecipate, 46 enti strumentali in liquidazione, 5 società controllate in liquidazione, una società partecipata in liquidazione e una società indirettamente partecipata. Il governo regionale ha proceduto a individuare il perimetro di consolidamento, allargando a 73 il numero degli enti inseriti, applicando i principi stabiliti dalle normative sulla rilevanza dei soggetti da consolidare e sul reperimento delle informazioni contabili in tempi congrui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la bocciatura l'Ars dà l'ok al consolidato 2022: "Prosegue il riordino dei conti della Regione"

MessinaToday è in caricamento