rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Politica

Assemblea regionale, dieci gli eletti messinesi: gli esclusi eccellenti

In attesa dei dati ufficiali gli unici certi sono Cateno De Luca ed Elvira Amata di Fratelli d'Italia, niente seggio per Danilo Lo Giudice di Sicilia Vera e Antonio Catalfamo della Lega

Gli unici certi del seggio all'Ars tra i dieci che secondo previsioni toccano alla provincia messinese sono Cateno De Luca, come miglior candidato presidente dietro al vincente Renato Schifani, ed Elvira Amata di Fratelli d'Italia che faceva parte del listino del nuovo vertice di Palazzo d'Orleans. In attesa dei dati definitivi e ufficiali per i voti di preferenza (518 sezioni su 776) ci sono esclusi eccellenti.

L'uscente Danilo Lo Giudice di Sicilia Vera manca la conferma all'Ars nonostante gli oltre 6000 voti. La lista, infatti, non superando la soglia di sbarramento non avrà eletti. Bene anche Eugenio Aliberti. Antonio De Luca va verso la riconferma nel movimento Cinquestelle mentre in Forza Italia che registra i numeri importanti del neoparlamentare nazionale Tommaso Calderone il seggio andrà all'ex assessore regionale Bernardette Grasso che la spunta su Beppe Picciolo. Nella Democrazia Cristiana niente seggio ma buon risultato per Federico Mangialino Rainero con oltre 3mila preferenze. A secco di parlamentare pure Centopassi. Va molto male la lista Italia Viva-Calenda. Nella Lega il sindaco di Brolo Pippo Laccoto supera Antonio Catalfamo. Nulla da fare per l'ex sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca. in Fratelli d'Italia riconfermato Pino Galluzzo. Nel Pd dovrebbe avere la meglio Calogero Leanza, il figlio dell'ex presidente della Regione Vincenzo. Due gli eletti in Sud chiama Nord sono il sindaco Matteo Sciotto (fratello del presidente dell'Acr Messina) e il presidente della Messina Servizi Bene Comune Pippo Lombardo. In Popolari Autonomisti secondo mandato per Luigi Genovese

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea regionale, dieci gli eletti messinesi: gli esclusi eccellenti

MessinaToday è in caricamento