All'Ars le opposizioni contro Razza: "Gestione emergenza Covid inadeguata, vada via”

Depositata una mozione di censura nei confronti dell'assessore alla Salute. A firmarla Pd, M5S, Cento passi: "Non ha svolto in maniera adeguata le sue funzioni di indirizzo e coordinamento della programmazione sanitaria e dell'assistenza territoriale e ospedaliera". Diventerà Bellissima: "Critiche smentite dai fatti"

"Se la Sicilia si trova oggi in piena emergenza Covid 19, gravi responsabilità sono dell'assessore alla Salute Ruggero Razza, che non ha svolto in maniera adeguata le sue funzioni di indirizzo e coordinamento della programmazione sanitaria e dell'assistenza territoriale e ospedaliera per fronteggiare la pandemia, ed ha ritardato tutti i provvedimenti di sua competenza per attenuarne gli effetti consentendo il progressivo innalzamento del livello di rischio nella diffusione del virus creando dunque i presupposti che hanno portato la Sicilia ad essere dichiarata 'area arancione', con le conseguenti misure restrittive ai sensi dell'articolo 2 del Dpcm 3 novembre 2020". E' uno dei passaggi della mozione di censura, annunciata nei giorni scorsi, nei confronti dell'assessore alla Salute Ruggero Razza depositata all'Assemblea regionale siciliana, firmata da Giuseppe Lupo (capogruppo Pd), Giorgio Pasqua (capogruppo M5S), Claudio Fava (Cento Passi) e dai deputati dei rispettivi gruppi parlamentari. 

Frizioni in casa Diventerà bellissima, Munafò si dimette: “Governo fallimentare su emergenza Covid”

Con la mozione, che rappresenta di fatto un atto di sfiducia, si chiede al presidente della Regione Nello Musumeci di provvedere alla "immediata rimozione e sostituzione dell'assessore Razza". Nella mozione vengono elencate le diverse presunte inadempienze dell'assessore alla Salute, che "anche di fronte all'evidenza della gravità della situazione ha più volte minimizzato la recrudescenza della pandemia".

"Questo atteggiamento - si legge nell'atto parlamentare - ha determinato un drammatico deficit organizzativo nel sistema sanitario regionale, così come nel sistema di tracciamento dei casi". Ed in tempi più recenti, all'indomani del provvedimento che ha dichiarato l'Isola 'area arancione', "invece di intavolare un confronto costruttivo con il governo nazionale per delineare un percorso che conduca la Sicilia fuori dall'attuale scenario di elevato rischio e, quindi, all'applicazione di misure meno penalizzanti per l'economia, l'assessore Razza - si legge ancora nella mozione - ha ritenuto di dovere confutare i dati emersi dal monitoraggio effettuato dall'Iss negando il livello di rischio cui è esposta la salute nel territorio regionale, ed imputando in modo irresponsabile al governo nazionale la presunta 'volontà politica' di penalizzare la nostra iIsola". Nella mozione si parla di "scaricabarile che rischia oltretutto di aprire uno scontro istituzionale sterile e pericoloso che, come già accaduto in Nord Italia, porterebbe ad appesantire ulteriormente una situazione già drammatica".

In difesa di Razza e dell'assessore alla Salute si schierano compatti gli esponenti di Diventerà Bellissima, "Ora che altre cinque regioni italiane sono passate alla zona arancione e altre stanno per passare, che hanno più da dire Pd e M5S contro il governo Musumeci? Sono smentiti dai fatti", replicano i nove coordinatori provinciali di Diventerà Bellissima, Giuseppe Alfano (Ragusa), Francesca Catalano (Catania), Giulia Ferro (Trapani), Giosuè Giardina (Messina), Gaspare Marrone (Agrigento), Paolo Mattina (Caltanissetta), Lorena Pignato (Enna), Carmelo Pisano (Siracusa) e Angelo Pizzuto (Palermo)

"La verità - proseguono - è che la Sicilia ha un presidente e un esecutivo, in testa l'assessore alla Salute, che lavorano senza sosta per proteggere la vita e la salute di tutti noi, a partire dal potenziamento di strutture e tecnologie, senza abbandonare i malati e dimenticare le patologie no Covid. La nostra Regione senza risparmiarsi, a partire dal suo personale medico e sanitario - aggiungono -, sta facendo il massimo di fronte agli sviluppi della pandemia. Gli unici a fingere di non saperlo sono i soliti oppositori locali, ascari del governo Conte: i siciliani meritano un'opposizione di ben altro livello e responsabilità".

Fonte: PalermoToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E’ morto il “principe” avvocato Francesco Marullo di Condojanni

  • Atm, dipendenti in malattia pedinati da un detective privato

  • È morto Dino Privitera, il mondo della cultura e dello spettacolo in lutto

  • Tensione alla Mazzini Gallo, genitori si fiondano dalla dirigente pretendendo il certificato medico di un bimbo

  • Trovato morto il sub disperso a Maregrosso, il cadavere recuperato dalla Capitaneria di Porto

  • Famiglia in isolamento da settimane per il padre positivo al Covid: "Lasceremo casa se i ritardi proseguiranno"

Torna su
MessinaToday è in caricamento