rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Politica

Scontro Atm e sindacati in commissione consiliare, gli atti sulle sedute finiscono in procura

La decisione del presidente Papa dopo la richiesta del consigliere Gioveni nonostante non ravvisi alcuna rilevanza penale. Prevista un'altra seduta straordinaria. Le dichiarazioni del presidente Campagna

Confronto infuocato tra Atm e sindacati in prima commissione Viabilità dove stamani è stato sentito il presidente della Partecipata Giuseppe Campagna. Chi sperava in un chiarimento che potesse alleggerire il clima di tensione è rimasto deluso. Sotto la lente carriere, incentivi, straordinari e perfino gli incidenti di bus e tram. Secondo il presidente, sugli straordinari non è mai stato superato il limite ("oltre il 61% degli operatori di esercizio o svolge meno di 8 ore di straordinario o addirittura rifiuta di effettuarne, facendo sì che tutto il lavoro extra sia in capo al 39% del personale autista, che comunque non ha mai sforato il tetto fissato dalla legge") mentre i bonus ad alcuni ai dipendenti legati al progetto MoveMe o al pon metro sono premialità previste e erogate anche in passato. Anche sulle carriere per Campagna non esiste ragione alcuna di polemica e ha messo in evidenza come gli atti di interpello non siano mai stati contestati e che le procedure seguite rispondono a “soluzioni interne a cui i dipendenti potevano partecipare”.

Sulla questione incidenti ha risposto anche il direttore d’esercizio del tram Antonino Torre difendendo professionalità e competenze del personale ma anche gli interventi di manutenzione che si svolgono all’interno della stessa azienda. "Vorrei sgomberare ogni dubbio, per porre definitivamente fine all’ inutile e pericoloso allarmismo creato in queste settimane - è la posizione del presidente di Atm -   Il tram viene sottoposto a manutenzione e collaudi continui e posso asserire che il servizio viene svolto in condizioni di totale sicurezza e rispettando tutte le prescrizioni di legge. Sempre a proposto di sicurezza, ci tengo a dire che non esiste alcun problema per la salubrità dei dipendenti derivante dalla presenza nel tetto delle officine di onduline composte da cemento e una minima parte di amianto: gli organi competenti hanno certificato, anche recentemente, che non possono rilasciare polveri potenzialmente pericolose né cancerogene".

Tante le domande del consigliere comunale del Pd Felice Calabrò che ha chiesto un accesso agli atti con particolare riferimento agli scatti di carriera. Campagna ha risposto subito positivamente dichiarando che farà avere la documentazione prima della prossima riunione che comunque è pubblicata nel sito di Atm.   Il capogruppo di Fratelli d’Italia Libero Gioveni sempre sulla questione carriere “veloci” ha chiesto invece di inviare gli atti delle sedute in Procura. 

Il presidente Salvatore Papa si è detto perplesso sulla necessità dal momento che non ravvisava alcuna rilevanza penale ma ha deciso comunque di dare seguito alla richiesta e di trasmettere gli atti in procura per quanto di competenza.

In commissione hanno poi protestato per l’impossibilità di interloquire con Campagna  Letterio D’Amico, segretario di Fit Cisl e Mariano Massaro, segretario dell’Orsa. Il presidente Papa ha comunque deciso di convocare una riunione straordinaria,  un quinto appuntamento in aula, che darà modo a tutte le parti di intervenire e chiarire i punti trattati anche nelle tre precedenti tornate.

“Campagna si è reso disponibile anche ad ulteriori incontri – spiega il presidente della commissione – Speriamo che la prossima riunione possa essere chiarificatrice e conclusiva”.

In serata anche una nota del presidente di Atm: “Nella seduta odierna della commissione consiliare - scrive - ho avuto la possibilità di fare chiarezza sui punti sollevati da consiglieri e rappresentanti sindacali nelle precedenti riunioni, evidenziando la correttezza delle azioni messe in campo da Atm Spa in questi anni. Nelle ultime settimane sono state fatte molte illazioni sulla gestione interna dell’Azienda Trasporti, ma la verità è che Atm spa è un’azienda sana, efficiente e dinamica,  in grado di offrire ai cittadini un servizio di trasporto pubblico locale di alto livello, come riconosciuto da tutti.   Per potenziare ulteriormente il servizio, Atm Spa - come peraltro annunciato già da tempo – assumerà nei prossimi giorni altri 15 autisti in apprendistato".

Per quanto riguarda le carriere cosiddette veloci, maggiore oggetto di contestazione anche in commissione, Campagna ha sottolineato "che in Atm Spa le progressioni verticali dei dipendenti interni avvengono secondo il Regolamento approvato anche dal socio unico il Comune di Messina. L’Azienda Trasporti agisce con la massima trasparenza tramite atti di interpello con selezioni aperte a tutti, mentre in passato era prassi attribuire mansioni superiori con semplici ordini di servizio e successiva ratifica di posizioni acquisite nel tempo. Chi in questi anni  ha ottenuto parametri più alti è stato giudicato da una commissione d’esame, nella quale è prevista la presenza di un componente esterno, così come espressamente richiesto dai sindacati.  Non mi risulta, peraltro, ci siano mai state contestazioni sugli esiti delle selezioni interne. Sui premi erogati ai dipendenti,  confermo che ci sono state situazioni in cui il risultato auspicato da Atm è stato ottenuto grazie allo sforzo e al contributo del personale aziendale, al quale in qualche occasione è stato elargito un bonus come riconoscimento per l’impegno e per il raggiungimento di obiettivi importanti ai fini della crescita dell’azienda e del miglioramento dei servizi da essa erogati".

Campagna ha puntualizzato con una nota anche sulla "presunta esternalizzazione del servizio di carroattrezzi", rassicurando "che non è in programma una simile eventualità. Al contrario di quanto è stato dichiarato pubblicamente da qualche sindacalista,  Atm spa sta implementando i mezzi attualmente a disposizione per migliorare ulteriormente il servizio. I numeri testimoniano che le rimozioni avvengono nella stragrande maggioranza dei casi con carroattrezzi e personale di Atm spa. Nel denunciare l’ipotesi di esternalizzazione,  forse qualcuno si è confuso con ciò che avveniva in passato - ha concluso - quando i carroattrezzi aziendali restavano in deposito e il servizio veniva affidato a ditte esterne”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro Atm e sindacati in commissione consiliare, gli atti sulle sedute finiscono in procura

MessinaToday è in caricamento