rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica

Il giallo del Bilancio di previsione del Comune, "Lo stop richiesto dall'amministrazione"

L'otto gennaio scorso i quattro consiglieri vicini al sindaco De Luca avevano sollecitato i colleghi a votare presto la manovra finanziaria. Per il presidente Cardile la verità è un'altra: "Siamo fermi in attesa degli emendamenti di giunta"

Appena l'otto gennaio scorso dopo i solleciti del sindaco De Luca i quattro consiglieri vicini all'amministrazione, Pergolizzi, Giannetto, Cipolla e De Leo avevano chiesto ai colleghi d'aula di fare presto per il voto al bilancio di previsione 2022. Manovra che legata ad altri passaggi amministrativi come il consuntivo e all'opposizione in aula sono tra i motivi che inducono il primo cittadino a dimettersi  visti i rapporti politici ormai finiti tra la maggioranza e la giunta. Ma per il presidente del Consiglio comunale Claudio Cardile sul bilancio di previsione la verità è un'altra: "L'atto è fermo ma non certo per colpa del Consiglio, basta dire che lo stesso ragioniere generale e l'assessore Carlotta Previti hanno richiesto di congelare la trattazione perché l'amministrazione intende presentare degli emendamenti, correttivi che ancora non sono giunti alla nostra attenzione e dunque di cosa stiamo parlando, siamo noi ad aspettare visto che il bilancio è giunto i primi giorni di dicembre, non so cosa venga detto durante le dirette social ma questo è quello che sta succedendo". 

Bilancio di previsione, "Il Consiglio faccia presto"

L'otto gennaio i quattro consiglieri scrivevano: “Chiederemo al presidente della commissione Bilancio e al presidente del consiglio comunale, la trattazione e la votazione, con l’urgenza del caso, della proposta di delibera per l’approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare comunale (atto propedeutico all’approvazione del bilancio) e della delibera “DUP 2022/2024 – Bilancio di previsione finanziario 2022/2024”. Pergolizzi, Giannetto, Cipolla e De Leo avevano risposto in tempi record all’appello del sindaco per approvare subito il bilancio di previsione come “strumento per poter eventualmente avviare attività di sostegno in tempo di pandemia”. I consiglieri chiedevano di porre in discussione il bilancio già in occasione della prossima convocazione prevista allora lunedì 10 gennaio invitando tutti i colleghi “nell’interesse della comunità” a valutare positivamente tale iniziativa e di sostenerla fino al raggiungimento dell’obiettivo prefissato. Ma a sorpresa - a sentire Cardile - è invece la giunta ad aver chiesto lo stop. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo del Bilancio di previsione del Comune, "Lo stop richiesto dall'amministrazione"

MessinaToday è in caricamento