rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Elezioni comunali, l'ex ministro Boccia ancora polemico con De Luca: "Ha tradito Messina"

Il responsabile nazionale Enti Locali del Pd dopo le polemiche di venerdì scorso è tornato allo "scontro" aperto con l'ex sindaco: "Smaschereremo le loro bugie nei prossimi giorni...". La replica: "L'assessore Musolino si confronterà con te, io lo farò solo con Draghi"

Anche da Roma l'ex ministro Francesco Boccia prosegue a polemizzare con Cateno De Luca già primo cittadino e candidato alla presidenza della Regione. Venerdì scorso all'incontro del centrosinistra al cinema Lux il responsabile nazionale del Pd aveva accusato l'ex sindaco di aver marginalizzato Messina nella distribuzione dei fondi del Pnrr. 

Fondi Pnrr, l'ex ministro accusa De Luca

La replica della Previti a Boccia

Boccia nel pomeriggio ha voluto lanciare un nuovo messaggio a De Luca: "Continuo a sentire in questi giorni gli sproloqui dell’ormai ex sindaco di Messina, Cateno De Luca, arricchiti dai suoi soliti insulti e dalle note mistificazioni della realtà. Noi siamo abituati a parlare con i numeri e i numeri certificano che De Luca ha tradito Messina. Messina, così come tante altre città, durante la pandemia è stata salvata dallo Stato, ricevendo le risorse necessarie per affrontare i momenti più difficili della crisi Covid-19; circostanza che l’ex sindaco e i suoi assessori continuano a negare spudoratamente. De Luca, invece di far sedere Messina ai tavoli istituzionali, così come hanno fatto le altre città metropolitane, ha preferito i suoi show quotidiani diventando una macchietta. L’ex sindaco, invece di cogliere le opportunità del PNRR per Messina, ha preferito buttare tutto alle ortiche dimettendosi prima della scadenza del suo mandato da sindaco. I numeri sull’intervento del Governo Conte due prima e Draghi poi, parlano chiaro e nei prossimi giorni, così come abbiamo promesso venerdì in occasione della presentazione del candidato sindaco di centrosinistra Franco De Domenico - conclude Boccia - che pacificherà la città, li renderemo pubblici, in modo tale da smascherare tutte le bugie che De Luca continua a raccontare ai messinesi falsificando la realtà”. 

La replica di De Luca non si è fatta attendere: "Ancora una volta l'ex ministro Boccia perde un'occasione buona per tacere. Vorrei fargli notare che continuare ad attaccare Cateno De Luca non basterà ad accreditare il candidato che la sua coalizione sostiene a Messina. Piuttosto siamo noi a sollecitare il confronto che lo stesso Boccia ha chiesto all'ex assessore della mia giunta Dafne Musolino con tanto di fact-checking. Noi siamo pronti a mostrare, come richiesto, tutti gli atti a conferma della veridicità delle nostre affermazioni. Ostinarsi a dire che Messina durante la pandemia è stata salvata dallo Stato è un 'affermazione che oltre che essere falsa è semplicemente ridicola e facilmente potremo dimostrarlo. Mi chiedo però cosa abbia infastidito così tanto l'ex ministro Boccia da spingerlo, addirittura anche da Roma preso dai suoi immaginiamo molteplici impegni, ad affannarsi nel tentativo di screditare l'azione di governo della mia amministrazione. Dobbiamo forse pensare che si sia innervosito perché abbiamo reso noto a tutti la sua antica amicizia con Francantonio Genovese? E cosa ci sarebbe di male in fondo… l'amicizia si sa, non ha colore politico... le bellezze delle isole Eolie poi possono far passare tutto in secondo piano. Certo è che non consentiamo a nessuno oggi di attaccarci in particolare sul fronte della gestione dell'emergenza Covid che da solo ho affrontato trovando nelle misure del Governo nazionale non un alleato come avrebbe dovuto essere, ma un muro sordo e insensibile alle esigenze della comunità. Alle parole - continua l'ex primo cittadino - siamo abituati a rispondere con i fatti. Caro ex Ministro, questa amministrazione ha aiutato famiglie ed imprese con ristori, bonus e sgravi tributari per 56.998.569,57 euro. Il suo governo ha assegnato con il d.l. n. 34/2020 appena due tranche di fondi per buoni emergenza alimentare di appena 3.400.000,00 euro. 

In merito al PNRR questa amministrazione ha presentato progetti e ottenuto finanziamenti per un totale di 309.329.971,22 euro così come certificato in allegato. Mi accusa di non essermi seduto al tavolo delle trattative ministeriali, lei in quale tavolo era seduto nella sua qualità di Ministro per gli affari regionali quando il governo Conte ha svenduto il Sud nel ripartire le risorse del PNRR assegnando solo una quota del 34% sull’intera dotazione finanziaria del PNRR? Adesso attendiamo davvero con trepidazione il confronto tra l’ex assessora Dafne Musolino e Francesco Boccia. Io caro Francesco se un confronto dovrò farlo lo farò solo con il presidente Draghi non certamente con te". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali, l'ex ministro Boccia ancora polemico con De Luca: "Ha tradito Messina"

MessinaToday è in caricamento