Politica

De Luca pronto a candidarsi alla Regione: “Non si può consentire che la Sicilia faccia altri cinque anni in queste condizioni pietose”

La decisione maturata dal sindaco non solo nel caso in cui si riproponga Musumeci. “O il centrodestra arriva a una proposta rinnovata oppure andiamo avanti, la variante sarà Danilo Lo Giudice. In ogni caso non accettiamo più che venga riproposto un vecchio schema magari con un nome ammantato di verginità ma dietro gli stessi pupari”

Stamattina era convinto che la sua vita sarebbe meno pericolosa se continuasse a fare il sindaco di Messina, nel pomeriggio ha lanciato invece la sua candidatura a presidente della Regione. Di certo non ci si annoia con il sindaco di Messina, Cateno De Luca che ha lanciato la sua candidatura a presidente della Regione alle prossime elezioni dai microfoni di Casa Minutella.

De Luca, che ha parlato dell’emergenza rifiuti e del fenomeno delle baracche a Messina, “un lebbrosario che la legge speciale potrà cancellare”, ha stavolta sciolto ogni riserva dando per scontata la sua candidatura.

“Se questo quadro di centrodestra vuole riproporre la sciagura di nome Musumeci dopo la iattura di Crocetta sarò in campo – ha detto De Luca - Non si può consentire che la Sicilia faccia altri cinque anni in queste condizioni pietose. Abbiamo assistito a tre anni e mezzo del nulla non c’è una sola riforma che porta il nome di Musumeci né risanamento economico-finanziario. Un’ora fa è stata fatta una circolare che dice ai comuni vedetevela voi dall’1 maggio saremo inondati dalla munnizza. Non parliamo della sesta vasca di Bellolampo con la settima che si doveva realizzare, la sesta vasca è stata realizzata in 12 mesi con i poteri commissariali da Crocetta e qui dopo tre anni e mezzo non sono stati consegnati nemmeno i lavori. La genesi di tutto il male dei rifiuti con la capienza che ha raggiunto il massimo in tutti i comuni. Non mi posso permettere da sindaco – ha continuato - di girare su me stesso e avere tutto bloccato perché sulla mia testa c’è un incapace come Musumeci e i suoi sodali”.

E se non fosse Musumeci il candidato? “Non c’è un tema solo Musumeci ma Musumeci e compagni di merenda. O si arriva a una proposta rinnovata oppure andiamo avanti, la variante non sarà Cateno De Luca sarà Danilo Lo Giudice. In ogni caso non accettiamo più che venga riproposto un vecchio schema magari con un nome che si è ammantato di verginità ma dietro ci sono sempre gli stessi pupari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca pronto a candidarsi alla Regione: “Non si può consentire che la Sicilia faccia altri cinque anni in queste condizioni pietose”

MessinaToday è in caricamento