rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica

Lo scherzo a Lo Giudice e il blitz a casa di Basile, ecco come nasce la nuova candidatura a sindaco di Messina

De Luca racconta i retroscena dopo la diretta facebook di ieri. "Ho detto al direttore generale che era la persona designata un'ora prima dell'annuncio ufficiale, abbiamo atteso che ne parlasse in famiglia"

Ha saputo di essere il candidato a sindaco scelto da De Luca appena un paio d’ore prima della comunicazione ufficiale, ha dato la propria disponibilità ma ha chiesto di poter prima parlarne in famiglia.

E’ il retroscena raccontato dall’ormai ex sindaco Cateno De Luca che ieri si è presentato dopo la mezzanotte a casa di Federico Basile, direttore generale del Comune di Messina, da oggi candidato sindaco di Cateno De Luca nella città dello Stretto. De Luca, le cui dimissioni sono diventate effettive da mezzanotte, ha indicato Basile nel corso della diretta Facebook notturna che ha concluso un lungo 14 febbraio fatto di incontri di commiato e conclusosi con il brindisi insieme con gli assessori che lo hanno accompagnato nella sua esperienza a Palazzo Zanca.

"Il prossimo sindaco deve essere il guardiano dei conti - ha affermato De Luca -. I prossimi cinque anni richiederanno una guida che garantisca la città il completamento del Piano di riequilibrio".

Tanti si sono chiesti se il “blitz” notturno a casa del direttore generale fosse stato concordato ma De Luca ha spiegato che Basile, informato solo un'ora prima della scelta, ha dato disponibilità ma ha chiesto di poter prima parlarne con la moglie dando poi il via libera intorno alla mezzanotte con un messaggio whatsapp. De Luca, a quel punto, ha deciso di andare a trovarlo direttamente a casa. Una sorpresa per Basile, che ha avuto appena il tempo di infilare la camicia bianca sul pantalone del pigiama, prima di accogliere De Luca&company.

L’ex sindaco, oggi a Palermo per lanciare in conferenza stampa la sua candidatura alla presidenza della Regione Siciliana alla guida del suo movimento Sicilia vera, ha anche raccontato di aver giocato un “brutto scherzo” al suo delfino Danilo Lo Giudice, anche ieri al suo fianco.

“Gli ho detto che era lui il candidato a sindaco di Messina – ha raccontato De Luca – non ha mangiato, era talmente stravolto… Gli ho fatto uno scherzo di quelli numero uno”.

Con il deputato Lo Giudice, De Luca si è presentato stamani anche a Palazzo dei Normanni per la conferenza stampa in cui ha ribadito la sua volontà di candidarsi alla presidenza della Regione. Con tanto di mascherina con la scritta “De Luca sindaco di Sicilia” ha chiarito che non ci sarà nessun ripensamento: "Uno che si dimette da sindaco di una città metropolitana pensate lo faccia per fare il secondo a qualcuno? Non esiste proprio. Non faccio nessun passo indietro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scherzo a Lo Giudice e il blitz a casa di Basile, ecco come nasce la nuova candidatura a sindaco di Messina

MessinaToday è in caricamento