rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Santoro in Consiglio comunale: “Siete voi a dover scegliere le priorità”

Il Commissario straordinario si presenta nell’Aula consiliare e raccoglie la disponibilità a lavorare per il bene della città: “Abbiamo un guado da superare insieme” ha detto Massimo Rizzo di LiberaMe

Un primo approccio tra la struttura commissariale e il Consiglio comunale con una avvertenza immediata da parte del commissario straordinario Leonardo Santoro. 

“Abbiamo un mandato finalizzato e codificato temporalmente, legato a condurre la città alle elezioni alla prima seduta disponibile che, ad oggi, è rappresentata dal 29 maggio – ha detto l’ing. Santoro - nel frattempo l'obiettivo della struttura commissariale è quello di garantire che i servizi alla cittadinanza vengano”. Santoro ha espresso, quindi, “il massimo rispetto per l'autonomia decisionale” del Consiglio comunale: “Rispetto la piena ed esclusiva titolarità e responsabilità di questo Consiglio comunale. In questo momento la criticità evidente è legata all’assenza di un previsionale approvato. Siete voi che dovete scegliere le priorità in base a quello che ritenete”. 

Un problema che, ha sottolineato Santoro, che non si vive alla Città Metropolitana. “Lì il previsionale c’è e quindi, per esempio, sono state stanziate le somme per mettere in sicurezza le strade della provincia e il Giro d’Italia può svolgersi. In provincia, non in città”. 

È stata, quindi, l’occasione per un giro di pareri da parte dei capigruppo. Da Giandomenico La Fauci di Ora Messina (“è finito il tempo delle chiacchiere urlate) a Libero Gioveni (“La politica deve ritornare a governare questa città, l’ex sindaco non si può lamentare del lavoro del Consiglio comunale ma è mancato il dialogo). Per Giovanni Scavello “ci sono state troppe fibrillazioni che sono servite a chi le ha cavalcate, non alla città”. A prendere posizione a favore dell’ex Giunta è stato Nello Pergolizzi, che sarà candidato con le liste di De Luca. “Il Consiglio comunale è stato sordo a lavorare al ritmo della Giunta”. E giù ad elencare: “Atm, Amam, Messina Servizi, la differenziata e Social City, non mi sento di dire che in questi tre anni e mezzo non sono stati garantiti i servizi, sono stati migliorati. E nessuno ha avuto il coraggio di fare la sfiducia, altrimenti si sarebbe andati a casa”.

Per Pietro La Tona di Sicilia Vera “l’importante è il modo come si raggiungono i risultati. Bisogna dimostrare in questi pochi mesi che la democrazia sta nel metodo e non nella bullizzazione dell’avversario”. Per Massimo Rizzo di LiberaMe “Messina è stata considerata come un trampolino di lancio per ambizioni personali. Un sindaco deve essere leader della comunità, deve mirare al confronto non al compromesso. Abbiamo un guado da superare insieme e bisogna capire se il Bilancio previsionale e il Riequilibrio possono essere trattate in principio di continuità amministrativa o necessitano di una adozione da parte dell’ufficio commissariale”. 

Un aspetto non da poco, quello sollevato da Rizzo, perché da questi due strumenti dipenderà l’operatività di Palazzo Zanca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santoro in Consiglio comunale: “Siete voi a dover scegliere le priorità”

MessinaToday è in caricamento