rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Il commissario del Comune Santoro si presenta e prende le distanze dall'ex sindaco: "Messina ha un'infezione ampia"

Il funzionario regionale con i colleghi Vinci e Milio ha incontrato i cronisti: "Su Piano di riequilibrio e bilanci è presto per parlarne, ogni atto della precedente amministrazione sarà valutato" e al deputato Calderone manda a dire...

Seppur non citandolo direttamente ha voluto segnare la distanza dall'ex sindaco Cateno De Luca. Si è presentato così ai cronisti il commissario del Comune Leonardo Santoro insieme ai subcommissari Mirella Vinci (attuale soprintendente ai Beni Culturali) e il viceprefetto Francesco Milio, quest'ultimi non avranno deleghe particolari ma lavoreranno su tutti i campi. 

"Messina ha un'infezione molto ampia - ha dichiarato Santoro - il nostro compito sarà quello di garantire l'efficienza della macchina burocratica e risolvere i problemi ordinari richiesti dai cittadini". E alla domanda se intende accettare la collaborazione di De Luca la risposta è stata molto decisa: un no grazie perché a sentire il funzionario regionale nominato dal presidente della Regione Nello Musumeci non c'è alcun bisogno di aiuto. L'infezione di cui parla Santoro si riferisce a questo: "Messina ha bisogno di ricostituire quel tessuto sociale e di rapporti con le altre istituzioni e mi pare che sia un problema sotto gli occhi di tutti".

Sulle delibere esitate dalla giunta De Luca e fondamentali come il nuovo Piano di Riequilibrio e il bilancio di previsione 2022 il commissario non ha dettato tempi ma solo di dover avere il tempo di leggerli e valutarli se adottarli o produrne di nuovi da sottoporre al Consiglio comunale. Sulle elezioni anticipate a breve scadenza è stato molto possibilista che si voti già nella tornata elettorale tra maggio e giugno delle amministrative e che il tempo a disposizione sarà ridotto. Sull'accusa del deputato forzista Tommaso Calderone che segnalava i suoi molti incarichi la replica è stata "Conosco persone che in un'ora fanno un lavoro in cui ne servirebbero 24 di ore e viceversa". Sui vertici delle Partecipate Santoro ha sottolineato che saranno considerati i risultati prodotti e che in base a quelli sarà deciso se mantenerli o meno. Ad accogliere il commissario e i due subcommissari la segretaria generale Rossana Carrubba e il presidente del Consiglio comunale Claudio Cardile. Del gruppo De Luca unico presente accanto a Santoro il dirigente della Città Metropolitana Salvo Puccio dove il commissario si recherà domani per l'insediamento.

Prime parole di Santoro: "Obiettivo primario le elezioni"

Brevi gli interventi della Vinci "Quest'incarico mi onora, sapete che sono operativa e che alle parole preferisco rispondere con i fatti" e di Milio: "Sono stato in piccole realtà, Messina è una grande realtà e abbiamo poco tempo per lavorare e dare risposte". Santoro ha ribadito più volte che sarà una sola voce a parlare, quella collegiale tra i tre componenti dell'ufficio di Palazzo Zanca.. Non ha indossato la fascia tricolore ma lo farà quando l'appuntamento istituzionale lo richiederà. La prima visita sarà dal prefetto Cosima Di Stani. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commissario del Comune Santoro si presenta e prende le distanze dall'ex sindaco: "Messina ha un'infezione ampia"

MessinaToday è in caricamento