Venerdì, 22 Ottobre 2021
Politica

Congresso del Pri, Currò: “Sostegno con coerenza al centrodestra ma la questione morale è in primo piano”

L'appuntamento sabato a Catania. Il coordinatore: “I valori dell'onestà e della cultura che riteniamo debbano essere gli elementi fondativi per uno sviluppo duraturo della Sicilia”

“Riprende un cammino mai interrotto, lo stesso che ha portato i repubblicani siciliani a sostenere dal 2001 le coalizioni di centrodestra”. Alla vigilia di importanti appuntamenti elettorali arriva una “dichiarazione di intenti” da parte del segretario egionale del Pri, Pietro Curro pronto ad aprire il XVII congresso regionale siciliano del Partito repubblicano italiano che si terrà a Catania, sabato 22 febbraio, all’Hotel Gelso Bianco con inizio alle 09.30.

Tema del congresso sarà “Politica e questione morale”. “Un tema a noi caro da sempre - spiega il messinese Currò - che è il tema principale se si vuole riavvicinare i giovani alla politica in un momento in cui la disaffezione toccai massimi storici. Il vero strumento del progresso è riposto nel fattore morale - spiega Currò riprendendo una celebre frase di Mazzini - e su questo ci confronteremo anche sabato prossimo. Di certo siamo pronti a sostenere con coerenza e non sensa distiguo le coalizioni di centrodestra nell'isola. Abbiamo votato nel novembre 2017 per il presidente Musumeci sostenendo i candidati del movimento Idea Sicilia di Roberto Lagalla per i valori dell'onestà e della cultura che riteniamo debbano essere gli elementi fondativi per uno sviluppo duraturo della Sicilia. Detto questo siamo attenti all'evoluzione del quadro politico”.

Il Pri è presente in tutte e nove le province siciliane e il congresso segna l’avvio di una nuova stagione politica in Sicilia. Al congresso è prevista la partecipazione, oltre che dei massimi vertici nazionali del partito, dei rappresentanti delle forze politiche, delle istituzioni e del mondo dell’associazionismo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso del Pri, Currò: “Sostegno con coerenza al centrodestra ma la questione morale è in primo piano”

MessinaToday è in caricamento