Politica

Va avanti la gestione di Celeste e Scoglio, Consiglio dice sì ai bandi

La maggioranza ha approvato con una serie di modifiche lo schema di convenzione dei due impianti. Potranno essere presentati i bandi, la struttura di viale Gazzi non sarà buttata giù

La gestione degli stadi Scoglio e Celeste potrà essere affidata. La maggioranza del Consiglio comunale ha modificato il testo dell'amministrazione approvando con quindici voti favorevoli, uno contrario e otto astenuti, lo schema di convenzione per la concessione in gestione del "Franco Scoglio".

Successivamente l’Aula, dopo avere accolto un emendamento e respinto un altro, ha approvato, con undici voti favorevoli, sei astenuti e nessuno contrario, lo schema di convenzione per la concessione in gestione dello stadio comunale Giovanni Celeste. Una maggioranza frutto di accordo tra centrodestra e centrosinistra, ad essere contrario Paolo Mangano dei Cinquestelle con quest'ultimi astenuti  Antonella Russo del Pd si è invece astenuta sul Celeste. Respinto il correttivo che prevedeva di costruire un altro impianto al posto dello stadio di viale Gazzi.

Il vicepresidente del Consiglio Nino Interdonato afferma: "Gli schemi di convezione per gli affidamenti degli Stadi Scoglio e Celeste fino a 99 anni. Grande lavoro di un gruppo trasversale di consiglieri comunali, che hanno sanato, già nella Commissione Sport del professore Piero la Tona, le delibere eliminando a colpi di emendamenti articoli e commi superflui, che rendevano invotabili le delibere. Nelle prossime settimane verrano quindi pubblicati i bandi, possibilmente uno congiunto con la speranza di attrarre investitori pronti a rilanciare lo sport e le infrastrutture messinesi". Il Consiglio ha respinto sia la possibilità di un bando unico mentre non è chiaro se nei bandi sarà inserita la clausola dei 99 anni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va avanti la gestione di Celeste e Scoglio, Consiglio dice sì ai bandi

MessinaToday è in caricamento