menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale di Messina

Il Consiglio comunale di Messina

Dimissioni sindaco, il Consiglio resterà in carica anche in caso di decadenza

Mentre gli esponenti politici lavorano agli emendamenti che saranno presentati nel pomeriggio al bilancio di previsione 2021 si scopre che le norme regionali manterranno al loro posto i 32 eletti del 2018

Mentre i consiglieri comunali stanno analizzando il bilancio di previsione 2021, oggi la presentazione di numerosi emendamenti che porteranno alla votazione nei prossimi giorni (sorprese permettendo) tiene banco la questione dimissioni del sindaco De Luca. Entro mezzanotte del 4 febbraio infatti se il primo cittadino non revocherà l'atto protocollato decadrà dalla carica insieme alla giunta in attesa della nomina del commissario da parte della Regione. Come ben si sa la questione posta da De Luca verte sulla sostituzione del direttore generale Asp Paolo La Paglia, di competenza regionale, manager accusato di inefficienza dal vertice di Palazzo Zanca. La votazione del bilancio 2021 anticiperà la mozione di fiducia al sindaco del consigliere di Libera Me Nello Pergolizzi che non trova sponde in maggioranza: i colleghi del gruppo di Pergolizzi, Massimo Rizzo e Biagio Bonfiglio, hanno già annunciato di voler votare contro come partito democratico e Sicilia Futura (sulla linea del voto contrario pure Cinquestelle e consiglieri legati al deputati Luigi Genovese). 

Mozione di fiducia al sindaco, Libera Me non segue il collega Pergolizzi

Quella di Pergolizzi - da quello che si apprende - sia in caso di votazione contraria che favorevole non ha valore giuridico-amministrativo ma prettamente politico, come un semplice atto di indirizzo. E dunque in caso di mancata revoca delle dimissioni che potrà adottare solo e soltanto il sindaco, e dunque di decadenza dal 5 febbraio, il Consiglio comunale resterà in carica fino a huove elezioni. Lo prevede la legge 5 maggio 2017 n. 7 pubblicata sulla gazzetta ufficiale il 17 novembre 2018. "La cessazione dalla carica di sindaco per decadenza, dimissioni, rimozione, morte o impedimento permanente comporta la cessazione dalla carica della rispettiva giunta ma non del rispettivo consiglio, che rimane in carica fino a nuove elezioni  da  effettuare nel primo turno elettorale utile" - si legge. Con Il Comune, in questo scenario, che vedrebbe una guida amministrativa targata Musumeci-Forza Italia con poteri di sindaco e giunta   In attesa di consultazioni anticipate. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento