Politica Centro / contrada Scoppo

Autostrade, sciopero di due giorni e mozione per interrompere il pedaggio

Filt Cgil, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl vicino al commissariamento hanno proclamato la protesta al Consorzio domenica e lunedì mentre Fratelli d'Italia ha presentato all'Ars una mozione per interrompere il pagamento dei pedaggi. Cosa succederà ai caselli

Al Consorzio autostrade sarà sciopero. Filt Cgil, Uiltrasporti, Sla/Cisal e Ugl trasporti hanno comunicato la prima azione di protesta di quattro ore sia il 4 che il 5 agosto. Nodo della questione il contratto dei dipendenti delle autostrade e le richieste degli arretrati. Le modalità prevedono che il personale del comparto Esazione e personale turnista non sottoposto alla regolamentazione si fermerà dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22 di domenica prossima sino alle 2 di lunedì 5 agosto. I dipendenti assegnati a turni spezzati effettueranno lo sciopero nelle ultime quattro ore di servizio, il personale tecnico e amministrativo durante le prime quattro ore di lunedì prossimo. La nota è stata trasmessa ai vertici dell'ente.

Ma non sono queste le ultime notizie che provengono da contrada Scoppo. Angelo Passari, segretario aziendale Ugl uscente a nome dei componenti del direttivo, in una nota interviene dopo la decisione della segreteria nazionale di commissariare il sindacato provinciale che si occupa di Viabilità. "Non si comprende quale possano essere le finalità pratiche di tale azione, in un momento particolarmente delicato per i lavoratori in lotta contro lo scippo del Contratto di categoria (unici in Italia) e di forte contrapposizione verso i responsabili regionali della gestione delle infrastrutture siciliane - sostiene Passari - non si capisce dove si voglia arrivare attraverso la nomina commissariale di persona di cui non si conosce il grado di esperienza sindacale, certamente assolutamente estranea alla militanza in Ugl e che non ha mai preso parte alle lotte ed alle iniziative a difesa degli autostradali siciliani promosse dalla Ugl Viabilità e logistica di Messina, sempre leader in prima linea in questi anni, venuta meno ogni fiducia verso la segreteria nazionale Ugl Viabilità e logistica da cui non si sentono oggi rappresentati con grande rammarico non è restato che ammainare una bandiera che hanno onorato con il loro costante attivismo in nome delle tutele del lavoro ed hanno deliberato di dimettersi dalle rispettive cariche con conseguente revoca della delega sindacale".

Intanto oggi è stata depositata una mozione del gruppo di Fratelli d’Italia all’Ars che chiede al governo Musumeci di interrompere il pagamento del pedaggio autostradale per l’A18 e l’A20 per i numerosi disagi, deviazioni, cantieri che rendono inoperabile agli utenti la stessa fruizione dell’infrastruttura. Il primo firmatario di questa mozione è il giovane deputato catanese Gaetano Galvagno che ha chiesto all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone e al presidente Musumeci di impegnarsi per veicolare questa decisione e compensare il disagio di queste settimane a cui si aggiunge anche il ritardo della tratta ferroviaria Messina-Palermo per via dei lavori in piena stagione estiva.

“Siamo consapevoli che i ritardi e le deviazioni hanno causato un eccessivo disservizio agli utenti siciliani - dichiara Antonio Catalfamo, capogruppo all’Ars per Fratelli d’Italia - ed è per questo che chiediamo subito al governo di prendere una decisione forte e di sospendere il pagamento di tutti i pedaggi autostradali gestiti dal Consorzio Autostrade Siciliane al fine di compensare con i disagi arrecati ai cittadini”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade, sciopero di due giorni e mozione per interrompere il pedaggio

MessinaToday è in caricamento