I sindaci della Lega: “Governo riveda il Dpcm o faremo ricorso”

Francilia, Di Giorgio, Carrà e Gallo dopo l'incontro con Salvini: “Combattere il virus in questa maniera non serve, le chiusure indiscriminate sono un colpo mortale al tessuto economico dei nostri territori”

Matteo Francilia con Salvini

I sindaci della Lega in Sicilia pronti a scendere in campo contro il Dpcm firmato ieri dal premier Conte. Lo aveva anticipato il segretario della Lega Matteo Salvini ad Affaritaliani.it rispondendo a una domanda sul ricorso al Tar da parte degli amministratori leghisti contro il nuovo Dpcm: "Sì, ho appena finito una riunione via zoom con parecchi sindaci e ci stanno lavorando con i loro uffici legali - ha dichiarato Salvini - Dobbiamo tutelare soprattutto i piccoli comuni, dove vive circa l'80% degli italiani. Un conto è chiudere un bar, un teatro o una palestra a Milano e un conto è farlo in un comune piccolo dove magari c'è un solo bar, un solo teatro e una sola palestra".

Ne sono convinti anche Matteo Francilia (Furci Siculo), Francesco Di Giorgio (Chiusa Sclafani), Anastasio Carrà (Motta Sant'Anastasia) e Salvatore Gallo (Palazzolo Acreide):

“Combattere il virus in questa maniera non serve, le chiusure indiscriminate sono un colpo mortale al tessuto economico dei nostri territori”  affermano. 

“L’ultimo Dpcm - continuano i sindaci del Carroccio - penalizza inutilmente  i ristoratori e tutte le attività che si sono adeguate con costi alla disciplina anticovid stabilita dal governo. Chiediamo al governo nazionale un cambio di passo puntando su misure specifiche che tengano conto del contagio nei territori ma anche risorse che permettano agli enti locali di far rispettare Dpcm e ordinanze locali”.

Nella loro nota i sindaci siciliani della Lega si dicono anche pronti ad aderire all’impugnativa del Dpcm del governo paventata dal leader della Lega Matteo Salvini, iniziativa che intendono aprire a tutti i primi cittadini indipendentemente dal colore politico. Il documento chiede anche  di affidare al governatore della Sicilia la gestione e l’applicazione di eventuali interventi di contenimento dell’epidemia: “reputiamo un intervento normativo di carattere regionale maggiormente adeguato all’attuale situazione, come ha già dimostrato l’ultima ordinanza del presidente Musumeci che teneva conto delle peculiari situazioni territoriali e puntava a non colpire le attività economiche dell’isola” concludono i sindaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

Torna su
MessinaToday è in caricamento