Coronavirus, il sindaco di Furci: "No a decisioni solitarie sulla chiusura totale"

Matteo Francilia condivide le preoccupazioni del collega di Messina ma preferisce una decisione concordata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

“Le preoccupazioni del sindaco De Luca sono le stesse di altri amministratori locali anche perché in questo momento la priorità è il superamento dell'emergenza sanitaria , tuttavia è importante che il primo cittadino di Messina si coordini con le altre istituzioni e anche con i comuni della città metropolitana perché non si risolve il problema bloccando solo il capoluogo , è necessario coinvolgere l'intera provincia” lo afferma Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo e commissario provinciale della Lega a Messina.

“Un’ordinanza drastica come quella annunciata da De Luca - spiega Francilia - è  necessaria anche a mio avviso ma il sindaco di Messina non deve agire in solitaria senza un preventivo confronto con il prefetto e gli altri sindaci dell’area metropolitana , che lui stesso rappresenta nella qualità di Sindaco metropolitano.

“È necessario agire con decisione ma con uno stretto coordinamento istituzionale, soprattutto con i sindaci. Abbiamo un importante modello di riferimento nel governatore lombardo Fontana che ha avviato le giuste sinergie e l’indispensabile confronto con le autorità centrali per cercare di arginare l’epidemia e soprattutto per avere le necessarie garanzie dal Governo Nazionale per mettere in sicurezza l’economia della zona. Spero che De Luca accolga il mio appello perché solo facendo squadra riusciremo a vincere contro il coronavirus e a fare ripartire l'economia." - conclude il sindaco di Furci Siculo.

Torna su
MessinaToday è in caricamento