rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica

Amministrative, De Luca insiste con Germanà: "Apparentamento tecnico ed evitiamo il ballottaggio"

L'ex sindaco in diretta facebook rilancia la proposta all'esponente leghista che potrebbe ricucire con Croce dopo settimane di prove di forza. "L'accordo con noi gli consente di evitare l’estinzione politica e prendere qualche seggio in più"

“Un accordo tecnico. Che vuol dire? Un apparentamento che viene effettuato da parte di una lista ad un gruppo di liste per sostenere il sindaco candidato, in cambio partecipa alla suddivisione del premio di maggioranza”.

E’ la proposta che lancia l’ex sindaco di Messina Cateno De Luca a Nino Germanà, l’esponente della Lega che ha difficoltà a digerire la candidatura a sindaco di Maurizio Croce per il centrodestra.

Non è la prima volta che De Luca strizza l’occhio a Germanà, oggi reitera l’invito dopo aver mostrato in diretta facebook la foto che ritrae al tavolo di un bar Germanà con Croce ventilando la possibilità di un accordo fra i due dopo settimane di dissidi grazie all’intermediazione dell’imprenditore Vincenzo Franza.

“Ninittu mi sa che stai mangiando la mela del peccato”, ha detto rivolto all’esponente leghista. La proposta era stata già avanzata al leader del Carroccio Matteo Salvini, chiarendo che non si tratta di accordo politico, nel senso che non viene promesso uno spazio in giunta perché lì “io non tocco nessuno”.

Secondo De Luca l’apparentamento tecnico invece potrebbe scongiurare l’ipotesi ballottaggio.

“Se si presenta con Croce non prende neanche il 5 per cento – ha detto De Luca – ed è la sua morte politica. Quindi o va da solo e si candida a sindaco ma anche qui non mancano i rischi. L’alternativa è l’accordo tecnico con noi, con Basile. Questo cosa comporta? Che la lista di Germanà prenderà il 5 per cento perché è in un contesto competitivo e quindi partecipa alla suddivisione del premio di maggioranza con la possibilità di prendere almeno tre seggi. Da noi si prevede che almeno tre liste prenderanno almeno il 5 per cento, con quella di Germanà diventerebbero 4. Ha interesse Germanà a fare l’accordo noi? Sì, perché gli consente di evitare l’estinzione politica e prendere qualche seggio in più. Noi abbiamo interesse affinché Germanà faccia l’accordo noi. Sì, perché potremmo creare le condizioni per chiudere la partita al primo turno ed evitare di spendere altri 400-500 mila euro per fare il ballottaggio”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative, De Luca insiste con Germanà: "Apparentamento tecnico ed evitiamo il ballottaggio"

MessinaToday è in caricamento