rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Politica

Europee, il Pd a Messina punta sulle donne: ecco le possibili candidate

Mentre il medico dei migranti a Lampedusa prende tempo il partito Dem potrebbe puntare su Antonella Russo e Maria Flavia Timbro. Rubino su Schlein capolista: "La migliore risposta all'antimeridionalismo del governo Meloni"

Dovrebbe esserci anche una donna di Messina nella lista del Pd alle Europee. In ballo ci sarebbero, tra gli altri, i nomi di Antonella Russo, consigliere comunale a Palazzo Zanca, e dell'ex deputata nazionale Maria Flavia Timbro, vicina all'area dei "No Ponte". Mentre l'avvocato giuslavorista Aurora Notarianni, già assessore nella Giunta regionale guidata da Rosario Crocetta, contattata da esponenti locali, non sarebbe interessata a candidarsi ma in questa fase a portare avanti la sua battaglia contro il Ponte sullo Stretto.

Pd e M5S senza leader in Sicilia: De Luca si avvicina al centrosinistra

Ieri il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo, ha fatto sapere che a guidare la lista dem nel collegio Isole sarà la segretaria nazionale Elly Schlein e che gli altri candidati saranno Antonio Nicita, Lidia Tilotta, Pietro Bartolo e Peppino Lupo. Stamattina però Pietro Bartolo ha rivelato che sta riflettendo sull'opportunità o meno di candidarsi. La motivazione di un eventuale passo indietro il medico dei migranti a Lampedusa l'ha spiegata in un comunicato: "In questi anni ho portato avanti, insieme alla delegazione europea del Pd, politiche sull’immigrazione che rispettassero i nostri principi di umanità e solidarietà. Tutto questo in un clima di grande difficoltà vista la maggioranza che governa l’Europa e l’Italia. Per tale motivo mi rammarica il fatto che questo impegno non abbia avuto la giusta considerazione da parte del segretario regionale e per questo, nelle prossime ore, rifletterò attentamente sul da farsi". Un messaggio recapitato direttamente a Anthony Barbagallo, numero uno del partito in Sicilia. Bartolo, invece, ha fatto un plauso a Elly Schlein: "Sono convinto che il suo apporto da capolista sarà determinante per l’affermazione del Pd a queste elezioni europee". 

Cos'è l'autonomia differenziata: come nasce e che impatto avrà sulla Sicilia

Anche Antonio Rubino, componente della direzione nazionale del Pd, è convinto che la candidatura di Schlein possa essere un valore aggiunto per il Pd. "Il progetto scellerato di Autonomia differenziata voluto da Salvini è il vero nemico da battere in questa campagna elettorale e la candidatura, nel collegio Isole, della segretaria Elly Schlein è la migliore risposta che il Pd poteva dare come segno di una battaglia politica che smascheri 'l'antimeridionalismo' conclamato del governo Meloni. Una bella notizia della quale dobbiamo essere onorati e che va accompagnata con serietà e rigore". Così sulla candidatura di Elly Schlein come capolista del collegio isole votata ieri dalla direzione".

"Sono convinto - ha concuso Rubino - che Antony Barbagallo e Peppe Provenzano sapranno costruire le condizioni di una mobilitazione del Pd siciliano senza precedenti proprio perché in gioco non c’è solo il destino del Pd ma quello dell’intero mezzogiorno sempre più mortificato e bersagliato da politiche di destra tendenti a dividere il Paese. Non possiamo e non dobbiamo permetterlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee, il Pd a Messina punta sulle donne: ecco le possibili candidate

MessinaToday è in caricamento