rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Elezioni regionali 2022

Elezioni, il cammino di Cateno: "Musumeci candidato al Senato, Russo? Vedremo che titoli ha"

Il leader di Sicilia Vera e candidato alla presidenza della Regione a Palermo per fare il punto dopo la maratona da Fiumedinisi. L'attacco al centrodestra: "Faide solo per mantenere posizioni potere"

“Nello Musumeci? L’ho sempre detto che non sarei stato io il killer in queste elezioni. Le frange del centrodestra che hanno provato a coinvolgerci contro di lui non hanno mai avuto la nostra adesione".

“Per le candidature? Non abbiamo nomi blasonati. Una questione di scelte. Il Figuccia di turno non lo candideremo. Vogliamo uomini e donne nuove”.

Così Cateno De Luca, leader di Sicilia Vera e candidato alla presidenza della Regione Siciliana, incontrando i giornalisti a Palermo dove ha chiuso il suo “cammino” da Fiumedinisi al capoluogo. Oggi la conferenza in cui ha annunciato gli ultimi ritocchi per la chiusura delle prime due liste che saranno poi saranno ufficializzate tutte insieme dall’8 al 9 agosto in poi con un occhio puntato anche alle elezioni nazionali.

“Andiamo avanti nell’attesa di Godot, cioè nell’attesa di sapere se Musumeci, che – mi hanno detto stanotte - è già candidato al Senato, sarà ancora candidato anche alla presidenza della Regione. Sarei sinceramente dispiaciuto se Musumeci venisse messo da parte dalla sua coalizione - ha aggiunto De Luca - Le faide interne al centrodestra per me sono solo operazioni di potere per riconfermare le posizioni di qualcuno. Miccichè fa di tutto per restare presidente dell'Ars, Lombardo vuole ancora gestirsi un pezzo della sanità, Cuffaro punta a proteggere gli interessi del fratello Silvio. Ognuno di loro ha un pezzo di questa Sicilia che deve continuare a mangiarsi. Non sono giochi di cui intendo fare parte". 

Ai cronisti che gli hanno chiesto di una eventuale candidatura del magistrato Massimo Russo, già assessore alla Sanità del governo Lombardo, ha risposto: "Il suo nome l'ho fatto io un mese fa, quando ho detto che per conto di Lombardo era andato a trovare Calenda per avviare una strategia. Questo è il nuovo che avanza e noi saremo felici se Russo sarà candidato. Vedremo Russo che titoli ha per candidarsi e soprattutto cosa ha rappresentato nel periodo più buio della politica in cui ci sono state connessioni tra più ambienti, con la foglia di fico di illustri magistrati come Russo e la Chinnici, assessori di Lombardo. Dopo l'azione di Russo, la sanità in Sicilia è andata sempre più allo sfascio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, il cammino di Cateno: "Musumeci candidato al Senato, Russo? Vedremo che titoli ha"

MessinaToday è in caricamento