menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Emanuele Macaluso (foto Ansa)

Emanuele Macaluso (foto Ansa)

Politica siciliana in lutto, è morto Emanuele Macaluso

Aveva 96 anni. Storico dirigente del Partito comunista, era stato parlamentare dal 1963 al 1992. Orlando: "Tutto il mondo della cultura perde uno dei suoi esponenti più presenti dal secondo dopoguerra, quando giovanissimo guidava braccianti e sindacalisti in Sicilia"

E' morto all'età di 96 anni Emanuele Macaluso, storico dirigente del Partito comunista italiano. Nato a Caltanissetta il 21 marzo del 1924, Macaluso è stato parlamentare dal 1963 al 1992. Fu anche direttore de L'Unità dal 1982 al 1986. Un vero antifascista, un fine pensatore.

Giovanissimo prese parte al movimento sindacale siciliano, diventando nel 1944 segretario generale della Camera del Lavoro di Caltanissetta. Dal 1947 fino al 1956 Macaluso fu segretario regionale del più grande sindacato nazionale, la Cgil. Nel 1951, senza dimettersi dall'incarico, si candidò con successo con il Partico comunista come deputato regionale, e venne eletto. In seguito fu chiamato da Togliatti nel comitato centrale del partito. Nel 1962 lasciò la segreteria regionale del Pci a Pio La Torre, e nell'ottobre anche l'Ars, e fu chiamato a Roma, dove, nel 1963, entrò nella Segreteria politica con Togliatti prima, e poi con Enrico Berlinguer. 

Così il sindaco, Leoluca Orlando, appresa la notizia della scomparsa di Macaluso. "Non solo la politica ma tutto il mondo della cultura perde uno dei suoi esponenti più presenti dal secondo dopoguerra, quando giovanissimo guidava braccianti e sindacalisti in Sicilia. Un intellettuale - aggiunge Orlando - che ha attraversato da protagonista tanti momenti della democrazia italiana, dalla clandestinità al dialogo fra comunisti e cattolici democratici, è stato punto di riferimento per tante generazioni per la sua attenzione progettuale e capacità di sguardo critico".

E reazioni sono arrivate anche dal mondo della politica nazionale. "Ho incontrato Macaluso solo negli ultimi anni della sua vita, apprezzando lo straordinario esempio di cultura, ironia, vis polemica. Un grande siciliano, una perdita per la sinistra italiana" scrive su Twitter il commissario europeo Paolo Gentiloni.

"Che tristezza - commenta Enrico Letta - Un grande protagonista che ci lascia. Un pensiero aperto, intelligente e sempre originale. Aggiungo, come nota personale, un vicino di casa amato e coccolato da tutto il quartiere di Testaccio".

Il premier Giuseppe Conte, arrivato in Aula al Senato per le comunicazioni sulla fiducia, prende la parola nell'emiciclo ricordando subito Emanuele Macaluso, venuto a mancare. "Anch'io mi associo al ricordo di Macaluso, che è stato qui per tanti anni prima come senatore, poi come giornalista. Penso che anche chi non ha condivido le sue idee politiche possa dire che è stato un grande protagonista della vita politica e culturale del paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento